Youtube Analytics dà i numeri!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

E’ un servizio per molti versi simile a Google Analytics, già messo a disposizione da Mountain View per l’analisi del traffico prodotto dalle pagine web.

Stiamo parlando di Youtube Analytics, il nuovo strumento che sostituisce Insight, il primo approccio di Youtube alla raccolta dei dati sulle visualizzazioni dei filmati, inaugurato nel 2008. Per quanto efficace, Insight non è più adatto a riportare tutte le informazioni necessarie ai broadcaster: Youtube Analytics al contrario, somma alle statistiche sulle visite quelle di condivisione.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio quali sono le novità del servizio:

Misurazione della crescita del pubblico: attraverso report sui contenuti è possibile registrare il numero più elevato di visualizzazioni video;
Report sulle sorgenti di traffico: mostra le fonti di traffico indicando quindi se il video è stato trovato su Youtube, su Google o sui Social Network;
Panoramica di informazione: offre una visione globale di tutti i più importanti report disponibili all’utente, dando anche la possibilità di accedere ad un singolo rapporto dettagliato;
Fidelizzazione del pubblico grazie ad un video: viene misurata come fidelizzazione relativa, cioè la capacità del video di trattenere gli spettatori durante la riproduzione e fidelizzazione assoluta, le visualizzazioni di ogni momento del video;
Rapporti più dettagliati relativi ai contenuti: è possibile filtrare i report in base ai contenuti, alla località o alla data, per capire meglio l’impatto di un video.

Alcuni di questi punti sono supportati da mappe interattive studiate per identificare in maniera immediata la maggiore locazione geografica dei propri fan. Sono a disposizione dell’utente anche grafici per consultare l’andamento delle visite in un determinato periodo di tempo, i confronti effettuati e altri tipi di taglio analitico.

Nella guida ufficiale è possibile trovare tutti gli strumenti e i report messi a disposizione dal nuovo servizio. Youtube come Google non finirà mai di stupirci e di reinventarsi.

Voi che ne pensate?