Twitter e la moda: una relazione importante.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Se oggi vogliamo parlare di moda allora dobbiamo parlare anche di Twitter. Ciò che molti non sanno, infatti, è che per il mondo della moda questo social network sta diventando sempre più una fonte indispensabile per le strategie di marketing.

Un esempio? La Tweetwalk, una sfilata di abbigliamento su Twitter nata dalla collaborazione con il brand inglese Burberry e fortemente voluta da Christopher Bailey, direttore creativo della casa di moda. La prima è andata in onda il 22 settembre da Hyde Park a Londra e attraverso il social network sono stati mostrati in anteprima mondiale i capi della nuova collezione primavera-estate 2012 e le immagini del backstage della sfilata.

Nel campo della Moda l’aspetto chiave è il feeling, la user experience, che deve essere fortissima, in grado di riflettere lo stile sostenuto e proposto dal brand e che rappresenta il primo aspetto in grado di interessare e di attirare. Questo perché nella mente del consumatore i capi di moda e i beni di lusso sono visti come inarrivabili, come qualcosa oltre la norma.

Per mantenere questa idea di inarrivabilità, l’esperienza del brand su Twitter deve essere unica e indimenticabile. A questo proposito l’immagine del profilo brand è pensata e strutturata apposta per convogliare un messaggio o immagini ben precise. Vale lo stesso per i tweet, che vengono scritti in modo da creare engagement.

Allo stesso modo Twitter è anche lo strumento ideale per captare in anticipo le tendenze delle collezioni di domani, direttamente dai fashion designer che usano il social network per comunicare con amici e colleghi o esperti che vanno a caccia di tendenze.

Alcuni tra i più importanti nomi del fashion come Karl Lagerfeld, Stefano Gabbana e Rachel Zoe utilizzano Twitter per comunicare e permettere agli utenti di vedere in anteprima i capi d’abbigliamento invece di aspettare la sfilata in passerella o di sfogliare le pagine delle riviste di moda.

Che giocare d’anticipo su Twitter sia la nuova parola d’ordine per i fashion designer?