Tre parole che possono aumentare le vendite del 1.617%

call to action ippogrifo
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

“Per scaricare la guida, clicca qui”.

“Scopri di più”.

“Compra il libro completo a questo link”.

Quante volte ti sarà capitato di leggere queste frasi?

Cosa sono? Come si chiamano?

Si chiamano CTA. Si tratta di un elemento spesso trascurato da chi si occupa di B2B, e forse abusato nel B2C.

La CTA (Call-To-Action) è un invito all’azione ed è uno dei fattori più importanti per avere un elevato numero di conversioni.

Si tratta di uno strumento di marketing (può essere un testo, un’immagine o un bottone) all’interno di un sito o di un blog che indirizza tramite un link a un’altra pagina in cui bisogna compiere una certa azione:

  • richiedere informazioni
  • scaricare file
  • iscrizione alla newsletter

Alcune volte, la Call to Action può essere l’azione stessa.

Le CTA sono un collegamento tra chi si occupa di marketing e potenziali clienti. Sono l’invito a scoprire di più su un prodotto o servizio.

Oggi il cliente cerca in rete promesse non per forza convincenti, ma almeno credibili (non cliccherà mai se prometti di vendere una pillola che ti consente di perdere 10 kg in 5 giorni).

Per questo bisogna creare messaggi creativi, accattivanti e personalizzati. CTA personalizzate convertono il 42% in più rispetto a quelle generiche.

Come deve essere una CTA?

  • sintetica: poche parole e andare dritto al punto
  • includere un beneficio per chi legge: fidelizzare il cliente al sito per beneficiare di vantaggi esclusivi, dato che ogni cliente è così che vuole sentirsi, esclusivo
  • chiara, immediata e d’impatto
  • posizionata in un punto strategico della pagina: facile da vedere, senza impazzire su e giù per la pagina.
  • realizzata con colori diversi rispetto a quelli predominanti all’interno della pagina, in modo da distinguersi e catturare maggiormente l’attenzione (arancione e rosso sono i colori più amati). O almeno che il colore cambi al passaggio del mouse
  • coerente con le informazioni contenute nella pagina di destinazione: sono entrambi strumenti di conversione e sono più efficaci se lavorano in sinergia

call to action ippogrifo

Quali risultati si possono raggiungere con la giusta CTA?

Con questi consigli puoi raggiungere grosse cifre:

  • oltre il 90% di chi visita il tuo sito, se legge il titolo leggerà anche la tua CTA
  • aggiungere una CTA alla pagina Facebook incrementa il click rate del 285%
  • CTA singola nelle mail incrementano le vendite del 1.617%

La Call to Action è un potente strumento con il quale intercettare il proprio target. Non limitarti a usare parole banali e sperimentane sempre di nuove perché non è detto che quello che funziona per alcune persone vadano bene anche per altre.

Chi legge deve capire quale azione sta compiendo.

Posso usare una CTA anche nel B2B?

Assolutamente si.

Parti dal presupposto che devi trovare il tuo target. Poi il problema del tuo target. Una volta trovato, dovrai offrire la tua soluzione al tuo target, in modo da risolvere il problema.

Il come offrirai la tua soluzione non sarà altro che la CTA. L’invito all’azione per risolvere il problema “scaricando”, “cliccando” o “acquistando” la tua soluzione. Nel B2C, come nel B2B.

Passiamo alla pratica.

Come si fa una CTA?

Scopri qui come sfruttare il marketing per fare business e non chiacchiere

Antonio Pastore
Ha studiato Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Bologna. Ha conseguito un Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa. Appassionato di Marketing, Comunicazione e Scrittura Creativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *