Tag Archives: YouTube

content marketing word cloud on a digital tablet with a cup of coffee

Content marketing B2B: i trend negli Stati Uniti

Si parla molto dell’efficacia del content marketing nelle aziende, ma spesso si nota che questo concetto non risulta ben chiaro.

Il content marketing è un approccio di marketing strategico focalizzato a creare e distribuire un contenuto rilevante per attrarre e mantenere un pubblico preciso e, ovviamente, produrre un ritorno per il cliente.

Secondo una ricerca del “Content Marketing Institute” i migliori marketer degli Stati Uniti hanno una strategia ben definita, si incontrano con i loro team molto spesso, sperimentano un’ampia gamma di tecniche e seguono diverse regole auree.

Per conoscere le accortezze che possono aiutarti a distinguerti nell’ambito del content marketing, analizzare i risultati del report utile può rivelarsi la strategia vincente.

Le quattro caratteristiche fondamentali che identificano i migliori nel settore sono:

  1. sanno come è impostato un contenuto di marketing efficace
  2. stabiliscono per iscritto una strategia
  3. mettono nero su bianco una linea editoriale
  4. comunicano molto con il loro teamcontent-marketing1

Secondo la ricerca il 44% dei marketer sa cosa significa sviluppare un content marketing vincente, ma  solo il 30% dei B2B marketer sostiene che le loro aziende operano con profitto in questo ambito.

Il 44% si incontra giornalmente o settimanalmente: più un team è efficace, più spesso si incontra.

Mediamente i B2B marketer assegnano il 28% del loro budget totale di marketing ai contenuti ma i più produttivi arrivano fino al 46%.

Stando alle statistiche, gli obiettivi annuali più importanti per chi fa marketing B2B sono l’acquisizione di nuovi clienti (85%) e le vendite (84%).

Parliamo ora di strategia: il 32% dei marketer sostiene di averne una e di averla definita per iscritto, ma il dato interessante è che il 48% dice di averla elaborata solo verbalmente. È dimostrato che i primi ottengono risultati migliori.

Che tipo di contenuti creano maggiormente le imprese americane? Secondo il report, il 93% della produzione è rivolto ai social media, seguito da casi di studio, blog e newsletter; anche se l’opzione più efficace, secondo il 75% degli intervistati, sono gli eventi in cui ci si incontra di persona. In crescita anche l’impiego di foto o illustrazioni, che risultano i contenuti con l’incremento più importante rispetto all’anno precedente, essendo passati dal 69% al 76%.

gianluigi-rando-content-marketing

Per quanto riguarda le piattaforme social più usate per la distribuzione di contenuti sono, in ordine, LinkedIn (94%), Twitter (87%), Facebook (84%) e YouTube (74%). In merito all’efficacia, LinkedIn risulta essere sempre al primo posto con il 66%.

Il content marketing è una delle tecniche che usiamo a L’Ippogrifo per incrementare il fatturato dei nostri clienti. Se vuoi che ti illustriamo quali sono le altre, richiedi un appuntamento con un nostro consulente.

kitkat

YouTube al cioccolato

Probabilmente Nestlé ha voluto semplicemente restituire il favore a Google, o forse si tratta soltanto di un’astuta campagna marketing? Fatto sta che non si può negare il debole del colosso informatico per gli snack dolci. Infatti fin dalle prime versioni di Android, Google ha dato il nome di un dolce ad ogni singola release e dal 2013 ha intrapreso una collaborazione con Nestlé, basti ricordare il nome di KitKat della versione 4.0 del suo popolare sistema operativo mobile. Ed ora, come per restituire il favore, Nestlé – per festeggiare gli 80 anni dalla nascita della sua popolare barretta rossa – ha deciso per la prima volta di cambiare il nome a circa 600.000 confezioni di KitKat a che hanno cambiato il nome in “YouTube Break” (anche se solo in Gran Bretagna).

Questo però è solo un modo per festeggiare il compleanno di KitKat: Nestlé ha infatti in mente di sfornare altre 72 versioni speciali della sua barretta, per un totale di 100 milioni di confezioni speciali.

Ma si sa, nel marketing è sempre un do ut des: Google dal canto suo ha aggiornato l’app Now con un’integrazione che ora permetterà agli utenti di pronunciare semplicemente “YouTube my break” per accedere ad una rassegna dei video del giorno più popolari e divertenti presenti su YouTube. Al pari di una barretta di KitKat, un modo per passare in dolce allegria le pause caffè!

https://youtu.be/SjBA2Z-7fGk

La tecnologia che unisce le generazioni

Per augurare a tutti un buon Natale, Apple ha pubblicato un nuovo spot intitolato “The Song”, che coglie in pieno lo spirito delle feste e racconta una storia semplice, personale ed emozionante. L’obiettivo del video non è quello di promuovere i prodotti mostrati, ma esaltare la forza della tecnologia, capace di creare nuovi legami e rafforzare quelli esistenti.

“Con un Mac, un iPhone o un iPad avete il potere di creare, regalare emozioni e ricordi che trascendono il tempo. Potrebbe essere un film, una cartolina fatta in casa o una canzone che porta due generazioni più vicine”. Queste sono infatti le parole con cui il video pubblicitario si presenta sul canale ufficiale Youtube di Apple.

Il protagonista dello spot, come recita appunto il titolo, è la canzone di Natale che una giovane ragazza compone con il suo Mac. La pubblicità si apre con l’inquadratura di un vecchio vinile che simboleggia un tempo passato, un tempo in cui si usava inviare brevi messaggi registrati ai propri cari: in particolare, questo disco contiene un vecchio messaggio cantato che la nonna aveva inviato al marito.

Ora però, con le nuove tecnologie, la ragazza può far rivivere il passato: grazie alla potenza di un iPad e un Mac masterizza il vinile e riscrive su quelle note piene d’amore un duetto speciale per poi, attraverso le cuffie di un iPad, farlo ascoltare alla nonna e farle riaffiorare alla memoria dei ricordi lontani.

Quando si tratta di comunicare ed emozionare, difficilmente la Apple si smentisce: nell’arco di 24 ore, infatti, il video è già stato visualizzato 300 mila volte e sembra essere candidato a essere il nuovo video virale di fine anno.

La Nike è nel pallone

È tempo di un nuovo spot per Nike. L’azienda produttrice di abbigliamento e accessori sportivi ha recentemente lanciato la seconda parte della campagna dedicata al calcio “Risk Everything”.

Il nuovo video, “Winner Stays”, si apre in un parco dove due squadre si sfidano in una partita il cui risultato deciderà chi rimarrà in campo. La partita inizia e uno dei due ragazzi dice “Ora vorrei essere Cristiano Ronaldo“ e il suo avversario risponde: “Sì? Allora io sono Neymar“.

Ecco, fatto! Nel giro di pochi secondi una semplice amichevole si trasforma in una partita tra i più grandi calciatori del mondo: i ragazzi continuano nominando il giocatore che di volta in volta corrisponde alle caratteristiche necessarie al gioco ed ecco che compaiono sul campo Wayne Rooney, Zlatan Ibrahimovic, Eden Hazard e Gonzalo Higuain.

Il video prosegue con Ronaldo che segna un goal e si avvicina al suo avversario dicendo “Il pubblico ora impazzisce” indicando i tifosi esultanti in tribuna e mettendo in evidenza che ai piedi indossa le inedite Mercurial Superfly.

Il suo avversario risponde con altrettanta prepotenza facendo notare che 50.000 persone stanno urlando il suo nome e che lui sta indossando le Magista, un altro modello di scarpe non ancora in commercio.

Ma i calciatori non sono ancora finiti. Ecco scendere in campo Gerard Pique, David Luiz clonato, e Iniesta vittima di uno scambio di persona. Neymar porta il risultato sull’1-1 tramite un pallonetto poi ci pensa il vero Iniesta a dare il suo contributo portando il punteggio sul 2-1. Rooney però risponde con un tiro dalla lunga distanza e si va sul 2-2.

Lo speaker annuncia l’ultimatum: “Chi segna il prossimo goal vince“.

Tutti i giocatori sono in ansia e tentano di non commettere falli; l’unico ragazzo che non si è ancora trasformato in un campione però subisce un fallo in area da David Luiz. Cristiano Ronaldo è quindi in procinto di tirare il rigore ma fa spazio al giovane calciatore che vuole viversi il suo momento e assumersi tutta la responsabilità dell’azione.

Una partita tra amici, il sogno di giocare con i propri idoli e il desiderio di voler diventare come loro: questo è il concetto base di questo ultimo spot di Nike Football.

Pubblicato su YouTube il 25 aprile, in pochi giorni ha superato i 30 milioni di visualizzazioni. Evidentemente la gente non si è ancora stufata di vedere il calcio ovunque, voi che ne pensate?

Francesca Zia
Ha studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Trieste. Appassionata di marketing e di economia, segue con attenzione le ultime tendenze in fatto di comunicazione

Fai ballare i Saike Nudols!

Un nuova e originale campagna pubblicitaria sta ora spopolando all’interno di YouTube, famosa per essere la piattaforma preferita da chi vuol dar vita a forme innovative di creatività.

Ed è proprio di creatività che si parla anche in merito alla nuova campagna unconventional sviluppata da DLVBBDO e Star per il lancio di Saikebon, la nuova linea di noodles istantanei rivolta ad un target di young adults e supportata dal relativo profilo Google Plus e dalla fanpage Facebook.

Un format interattivo che combina musica ed intrattenimento i cui protagonisti sono 5 ballerini, i Saike Nudols, messi a disposizione degli utenti: saranno questi ultimi infatti a decidere quale genere musicale dovrà ballare la crew, i cui componenti forniranno in tempo reale la loro interpretazione, anche quando non sapranno da dove iniziare.

È da leggersi in chiave metaforica invece la versata d’acqua bollente, solitamente utilizzata per la cottura dei noodles, che in questo caso servirà per dare il via alle danze.

Ma non è finita qui. Annesso al format, vi è pure un concorso il quale offrirà ai consumatori la possibilità di aggiudicarsi una vera e propria festa con DJ, fotografo e ovviamente tanti Saikebon noodles!

Dunque non vi resta che precipitarvi nel custom channel di Saikebon ed interagire con questi 5 simpatici ballerini. Chi lo sa, magari a fine esibizione vi verrà voglia di noodles!

Playlist e ricerche, le novità di YouTube

Se la scorsa settimana potesse essere rappresentata come uno scontro tra Titani, Facebook sarebbe sicuramente risultato vincitore rispetto all’eterno rivale Google. Ci stiamo naturalmente riferendo al recente acquisto miliardario di Whatsapp.

Ma il colosso di Mountain View non è stato con le mani in mano mentre il mondo intero era concentrato sul social di Zuckerberg. E cos’ha combinato? Ha rinnovato YouTube.

Starting today you’ll see some changes to make it easier to find what you want to watch on YouTube and collect playlists to watch again and again.” Sono le parole di Yining Zhao, Web Developer di YouTube, apparse sul comunicato stampa pubblicato sul blog ufficiale del Social Network lo scorso 20 Febbraio.

Cosi come molti altri social anche il re del video sharing ha deciso di cambiare pelle: ha realizzato un design con poche distrazioni che rispecchia l’interfaccia dell’app, più semplice e intuitiva.

La grafica è studiata per essere fruibile da schermi di qualsiasi dimensione e per puntare soprattutto sull’ esperienza d’uso. Ritorna l’allineamento centrato, come nell’app, mentre viene rinnovata l’interfaccia a schede che permette di trovare i video più facilmente e di raggrupparli in playlist.

Voi che ne pensate?

Anima concettuale dell’agenzia, Federico rappresenta una fonte inesauribile di contenuti e spunti di riflessione, per raccontare al meglio la storia di ogni azienda.

P&G premia ancora le mamme, ma i papà dove sono?

Intenso, coinvolgente, emozionante. Questi sono gli aggettivi che descrivono al meglio il nuovo spot realizzato da Wieden + Kennedy per P&G in occasione delle prossime Olimpiadi di Sochi.

A due anni dalla realizzazione di “Best Job” per le Olimpiadi di Londra, la Procter & Gramble ritorna con “Thank you Mom” per rendere omaggio al lavoro più impegnativo in assoluto: quello della mamma.

Sarà per le sue sfumature sdolcinate o per il suo contenuto così prossimo a tutti noi che questo video ha già fatto il giro del mondo. Ripercorre la vita dei campioni olimpionici fin dai loro primi passi, soffermandosi sulla presenza costante delle mamme che sono state loro accanto sia nei momenti belli che in quelli più difficili.

Un appoggio non indifferente se consideriamo il fatto che questi sportivi sono maturati dovendo affrontare al contempo sia le difficoltà della crescita comuni a tutti noi, sia quelle derivanti da una passione portatrice sia di forti gioie sia di grandi dolori.

Le pagine Facebook del noto brand si stanno occupando di ingrandire la campagna attraverso la realizzazione di uno storytelling in cui compaiono le coppie mamma-figlio più rappresentative dell’ambito sportivo di ogni Paese.

Quando verrà presentato in televisione? Assisteremo alla TV premiere del video domenica 12 gennaio durante i Golden Globe Awards, sebbene non necessiti in maniera eccessiva di ancora più notorietà, dati gli 1,5 milioni di visualizzazioni su YouTube raggiunti a due giorni dalla sua pubblicazione.

Ma in tutto questo trionfo di emozioni e di amore filiale i papà che fine hanno fatto? Il loro ruolo non risulta un po’ troppo sottovalutato in questo evolversi continuo di spot il cui focus è soltanto il genitore del gentil sesso?

Francesca Zia
Ha studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Trieste. Appassionata di marketing e di economia, segue con attenzione le ultime tendenze in fatto di comunicazione

Sapevatelo senza # per BMS

SAPEVATELO”. Al famoso hashtag di Twitter utilizzato dai suoi utenti per rendere noto qualcosa a una generalità indistinta di persone, la BMS, azienda Gold Partner italiana di SAP, toglie il cancelletto e decide di trasformarlo nel titolo della sua nuova iniziativa creativa.

Di cosa si tratta? In breve, si tratta di una serie di video animati i quali, tramite un layout basato su infografiche e una voce off in sottofondo, portano lo spettatore ad immergersi nel mondo dell’Enterprise Resource Planning (ERP) e illustrano i vantaggi che quest’ultimo può portare a un’azienda sia per quanto riguarda lo sviluppo del business sia in termini di risparmio economico e miglioramento della gestione delle informazioni e delle risorse.

L’ERP è un sistema di gestione (sistema informativo, nel linguaggio informatico), che racchiude in sè tutti i processi di business rilevanti di un’azienda (vendite, acquisti, gestione magazzino, contabilità etc.).

“Sapevatelo” è un’idea dell’agenzia creativa Racoon Studio, il cui scopo è quello di spiegare, in maniera simpatica, semplice e chiara cos’è un ERP e in contemporanea, catturare l’attenzione anche delle persone per le quali la tecnologia è ancora un grande mistero.

Questa iniziativa sarà promossa attraverso tutti i canali aziendali di BMS, il tutto accompagnato da una campagna di marketing e comunicazione attuata anche attraverso i social media.

Insomma, alle aziende non resta che andare su YouTube, iscriversi al canale BMS Spa e seguire volta per volta i video che verranno pubblicati. Se prima non lo sapevate, ora SAPEVATELO.