Tag Archives: Foursquare

Quattro chiacchiere con Giulia Lotti, vincitrice del Premio Marketing per l’Università 2012

Sono stati da poco selezionati i vincitori del XXIV edizione del Premio Marketing indetto a tutte le università del panorama nazionale. Questo concorso, che viene indetto da oltre vent’anni per gli studenti, consiste nell’ideare la risoluzione di un caso aziendale.

Quest’anno il case era promosso da INA Assitalia e prevedeva l’elaborazione di un progetto che riqualificasse il valore delle assicurazioni dal punto di vista dei giovani.

Abbiamo intervistato Giulia Lotti, giovanissima studentessa di 23 anni, iscritta a Economia e Management all’Università degli Studi Roma Tre, collaboratrice del sito NinjaMarketing, autrice del manuale “Scrivere sul web” e vincitrice, insieme ad Alessio Ancillao, del primo Premio di quest’anno.

•    Giulia, sei una dei due vincitori, insieme ad Alessio Ancillao, del primo Premio di Marketing per l’Università “SIM 2012”. Spiegaci in cosa consiste questo concorso.

Ogni anno la Società Italiana Marketing propone un nuovo caso di studio su cui redigere un piano di marketing. Quest’anno il progetto riguardava INA Assitalia, la quale richiedeva la formulazione di un’efficace strategia di vendita e di comunicazione che avvicinasse i giovani al tema della previdenza complementare, con l’obiettivo di far conoscere ed apprezzare il PIP, Primo presente nel suo portafoglio.

•    A cosa vi siete ispirati per questo piano marketing?

La nostra fortuna è stata quella di rispecchiare il target di riferimento, quindi non è stato difficile capire come muoverci e da cosa trarre ispirazione. Le analisi di mercato ci hanno chiarito le idee e ci hanno mostrato la strada giusta da seguire.  Ci siamo ispirati a noi stessi, ci siamo calati nella parte di un potenziale cliente e abbiamo ragionato su quali fossero le cose più importanti da prendere in considerazione nella formulazione della nostra strategia di comunicazione.

•    Quali pensi siano gli strumenti di marketing attualmente più efficaci?

Sono fermamente convinta che senza una valida ricerca di mercato alla base del piano, le idee per quanto creative, rischiano di non essere efficaci e quindi di non generare i risultati sperati. Nel nostro piano abbiamo deciso di utilizzare soprattutto i nuovi strumenti di marketing, più vicini al nostro target, i giovani. Abbiamo proposto un’interessante Foursquare strategy con lo scopo di stimolare l’interazione tra i ragazzi e il consulente assicurativo.

•    Che significato ha per te vincere questo riconoscimento?

Parlando anche a nome del mio collega Alessio Ancillao, posso dire che vincere una competizione del genere e risultare primi a livello nazionale è stata davvero una grandissima soddisfazione personale. Ci siamo impegnati tanto e ci abbiamo creduto fino alla fine. Siamo certi che questo riconoscimento sia per noi un ottimo biglietto da visita quando, tra qualche mese, ci presenteremo ad un’azienda per un colloquio di lavoro.

•    Gandhi diceva: “Sii il cambiamento che tu vuoi vedere avvenire nel mondo”. Il nostro mondo è il marketing, in che modo vuoi tentare di cambiarlo?

A dir la verità non voglio cambiarlo, anzi. Voglio imparare il più possibile da questo mondo e cercare di migliorarlo e di crescere insieme a lui. Trovo che il marketing sia in continua evoluzione e bisogna correre per stargli dietro, ma una volta che si riesce a tenere il passo neanche le salite più tortuose possono spaventare.

•    Progetti per il tuo futuro?

Il progetto di brevissimo termine è sicuramente il conseguimento della laurea Magistrale in Economia e Management con indirizzo Marketing. Sicuramente dopo gli studi, parlo anche a nome di Alessio, abbiamo intenzione di continuare su questa strada, con la speranza di essere notati ed apprezzati nel mercato del lavoro. Abbiamo le potenzialità per farci valere e desideriamo metterci in gioco nel mondo del lavoro.

Il video realizzato per il concorso dai due vincitori :

http://youtu.be/8ql4WRCRKH8

Foursquare si evolve, arrivano i Promoted Update!

Foursquare stupisce ancora gli utenti e regala nuove opportunità pubblicitarie con i Promoted Update, ovvero gli aggiornamenti sponsorizzati.

Il 10 settembre infatti, dopo un mese in beta durante il quale questi annunci erano a disposizione soltanto di un esiguo gruppo di brand statunitensi, i Promoted Update saranno accessibili a tutti.

La vera novità che differenzia i Promoted Update dai meglio conosciuti Local Update è la loro visualizzazione.

Gli aggiornamenti sponsorizzati compariranno nella sezione Esplora e saranno visualizzabili da tutti gli utenti del social, inclusi coloro che non sono ancora clienti del brand.

La visibilità dei Promoted Update adesso è universale, ed effettuare l’accesso in una delle venue dell’azienda che ha realizzato l’ad non è più una necessità.

I nuovi aggiornamenti funzionano come la pubblicità di Google: dopo aver inserito nella sezione Esplora un prodotto che si è interessati ad acquistare (ad esempio ‘smartphone’), compariranno gli annunci dei negozi di telefonia vicino a casa propria che effettuano delle promozioni speciali.

Questa occasione pubblicitaria, è proprio il caso di dirlo, permetterà ai brand di raggiungere i potenziali clienti e indirizzarli verso gli esercizi commerciali che soddisfano maggiormente i loro desideri. D’altro canto ai customer verrà regalata la possibilità di trovare, in tempo reale e con facilità, l’offerta che cercano.

“I Promoted Update – dichiara il blog ufficiale di Foursquare – sono un’ottimo modo per scoprire che cosa sta succedendo nel coffee shop più vicino, per risparmiare denaro, per l’acquisto dei prossimi capi di abbigliamento o semplicemente per scoprire un negozio in cui non si è mai stati prima”.

Gli aggiornamenti sponsorizzati si inseriscono tra i tentativi di monetizzare gli oltre venti milioni di utenti di Foursquare. Il futuro di questa iniziativa commerciale è ancora ignoto ma, l’idea di fondo che ha condotto a questa realizzazione, è funzionale e adatta ad un social che si basa sulla geolocalizzazione.

I Promoted Update saranno in grado di far convergere le esigenze informative e commerciali degli users con il desiderio di trovare nuovi profittevoli clienti dei brand?

Dal virtuale al reale con un gioiello

Meshu è una startup company di San Francisco fondata da Sha Hwang e Rachel Binx, giovani talenti dalle menti brillanti e creative. L’idea che sta alla base del loro progetto è assolutamente inedita: permettere agli utenti di creare gioielli attraverso la mappa virtuale dei propri check in su foursquare.

Come si realizzano questi gioielli personalizzati?

Il procedimento è molto semplice: è sufficiente collegarsi con il proprio account di Foursquare al sito Meshu che automaticamente connetterà i luoghi nei quali ci si è loggati alle mappe digitali online. Il disegno virtuale che ne emerge è formato da essenziali linee rette che collegano le diverse località e danno origine allo forma del gioiello. La creazione può essere modificata a piacimento inserendo o eliminando punti ovvero località, città o paesi del mondo.

Il bozzetto della creazione può diventare un paio di orecchini, un pendente oppure una collana che saranno spediti da Meshu e arriveranno ai clienti in pochissimi giorni. Gli articoli sono disponibili in quattro materiali diversi (acrilico, legno, nylon, argento) e hanno un costo che va dai 50 $ ai 150 $. Ogni creazione di Meshu è assolutamente unica perché rappresenta il caratteristico e intimo percorso di vita dell’utente.

Questa giovane azienda ha intuito che realizzare prodotti che offrano al cliente emozioni, in questo caso legate ai ricordi, significa fornire un valore aggiunto.

La case history di Meshu è un’interessante esempio di abile utilizzo dei social network per costruire qualcosa di concreto e tangibile. Alla fine del processo di co-creazione virtuale, il prodotto reale viene inviato alla clientela, gettando così un ponte tra la vita online e la realtà offline.

E voi cosa pensate dell’intuizione originale di Meshu?

La crescita di Foursquare in Italia

So-lo-mo, ovvero social, local, mobile. Così viene definito Foursquare, il social network basato sulla geolocalizzazione. Attraverso un’applicazione mobile e web gli utenti registrati possono condividere con i propri contatti la loro posizione.

A pochi giorni dal Foursquare Day, che sarà festeggiato in tutto il mondo il 16 aprile, l’Osservatorio Foursquare Italia, rende nota la sua mirabolante crescita in Italia negli ultimi sei mesi. Sono 266, infatti, le brand page di aziende sul sito, con un incremento pari al 302%.

Accanto al 13% delle grandi brand page e catene commerciali, troviamo un 12% di micro-store e imprese familiari. Tra le grandi aziende con oltre 10.000 follower troviamo Gucci, Adidas, Regione Toscana, Dolce&Gabbana e Vodafone.

Cifre significative, anche se i budget  investiti sono ancora parecchio contenuti. Ma fanno comunque intravedere un’intelligente apertura ad un modello che gli esperti considerano vincente nel futuro, quello che fonde, appunto, social network, localizzazione e dispositivi mobili.

Ciò che però sembra frenare lo sviluppo di Foursquare, sono le restrizioni imposte dalla normativa sulla privacy. Considerato il fatto che il coinvolgimento dei consumatori deve necessariamente tener conto dei limiti di intrusività, gli obiettivi da perseguire non saranno facilmente raggiungibili in un arco temporale limitato.

Cambieranno le cose? Staremo a vedere.

 

Foursquare: dal servizio check-in a guida 2.0 delle città

Il nuovo video pubblicato pochi giorni fa sull’homepage di Foursquare.com è un esempio di evoluzione di social network. Il video dura circa 59 secondi ed è completamente diverso da quello uscito nell’aprile del 2010. Stavolta, infatti, il termine check-in viene usato solo una volta, come se i fondatori di Foursquare volessero prendere le distanze da ciò che lo ha reso famoso in tutto il mondo.

Hi! I want to learn more about foursquare! from foursquare on Vimeo.

Quindi il check-in è morto? No, è in continua evoluzione! I fondatori si sono dotati dei check-in, per raccogliere più informazioni possibili e per convincere gli utenti ad inviare le loro posizioni a Foursquare tramite i loro telefonini e rendere possibile l’accumulo di una enorme quantità di dati.

Dati che sono stati successivamente utilizzati per realizzare una sorta di social city guide. Ciò emerge in maniera evidente dai due video, dal momento che in entrambi compare la frase “making your city easier to use”.

Queste innovazioni non significano certo che il social abbandonerà gli aspetti più divertenti del social network come l’intrattenimento, i mayorship e i badge. Piuttosto il contrario, lo dimostra il lancio di nuove tipologie di city badge.

Un altro update degli ultimi mesi è l’aggiornamento della funzione Explora che integrerà gli 1.5 milioni di check-in con le nuove raccomandazioni per gli utenti. E come se non bastasse, ad attirare gli abitanti delle città alla sua piattaforma, Foursquare pubblicherà i prezzi di imprese, locali, mercati, saloni, spa. Non solo il famoso check-in app potrà visualizzare queste informazioni, ma i menù dei prezzi saranno presto disponibili anche su applicazioni alimentate da API Foursquare. Per ora solamente in USA.

Oggigiorno per sopravvivere un social network deve essere in continua evoluzione.

Quale sarà il prossimo passo di Foursquare?

 

Due novità estive di Foursquare

Agosto. Vacanze, mare e sole. Ma non per tutti.
Foursquare ha approfittato infatti del mese tradizionalmente riservato al riposo per il lancio di due importanti novità. Vediamo quali.

Innanzitutto la creazione delle cosiddette To Do List. Di cosa si tratta?
Solitamente, chi fa check-in nella Venue può lasciare un Tip, ovvero un consiglio agli amici sulle cose interessanti da fare o da vedere in quel posto. Sino a poco tempo fa era possibile rintracciare i Tip nella pagina profilo dell’utente ed ordinarli per popolarità e per data, senza però avere la possibilità di costruire un vero e proprio percorso tra le varie Venue prese in esame.

Con la creazione delle To Do List si apre una prospettiva del tutto inedita, con due categorie che raggruppano le mie liste e le liste che seguo. Categorie che offriranno diverse opportunità agli utenti, legate soprattutto alla possibilità di sfruttare suggerimenti e contributi di amici per creare liste che classificano, ad esempio, i migliori caffè viennesi. O che, nel settore del turismo possano valorizzare un territorio istituendo una serie di percorsi guidati. O che, nel caso dei Brand, possa permettere loro di creare liste specifiche per territori o scopi particolari.

La seconda novità agostana di Foursquare è Events.
Ovvero la possibilità di comunicare non solo dove si è, ma cosa si sta facendo e fornire informazioni relative agli eventi che si stanno seguendo, siano essi sportivi, cinematografici o musicali.

A questo proposito sono state strette tre importanti partnership con ESPN, Movietickets e Songkick.
Grazie al primo sarà possibile ricevere dettagli ed informazioni dell’evento sportivo: luoghi, squadre e orari delle partite. Movietickets mostrerà agli utenti orari di programmazione e trame dei film. Mentre Songkick, assieme a dettagli sui concerti, lancerà un concorso per vincere un intero anno di biglietti gratis.

Nel giro di qualche mese Foursquare prevede di aggiungere centinaia di migliaia di eventi in oltre 50.000 sedi al suo database. E sebbene per ora Events sia disponibile soltanto sul sito Foursquare e su iPhone, a presto sarà disponibile anche su altre piattaforme, per permettere un innovativo utilizzo dei check in.

In questo modo infatti sarà possibile avere informazioni sui grandi eventi un paio d’ore prima del suo inizio e soprattutto conoscere a fondo e confrontare i propri gusti e preferenze con quelli degli amici. Sapere ad esempio che non solo quella serata Tizio era al vostro stesso cinema, ma che si è goduto l’ultimo Harry Potter. Proprio come voi!

Rinnovare Twitter? Sì, con un occhio a est!

Ha un tasso di crescita che si attesta attorno al 200% nei primi sei mesi del 2011. Di questo passo potrebbe agevolmente raggiungere i 190 milioni entro fine anno. Stiamo parlando di Weibo, la più popolare piattaforma di microblogging cinese, attualmente l’unica in grado di competere, per quanto riguarda il numero di utenti, con Twitter.

Già, ma soltanto sul numero degli utenti. Anche perché le diverse funzionalità che incorpora lo fanno assomigliare ad una sorta di ibrido tra Facebook, Twitter e Foursquare. Weibo permette ai propri utenti di postare non soltanto tweet, ma commenti, aggiornamenti di stato, immagini, suoni e video. Aggiorna la propria posizione con un sistema di check-in che utilizza le applicazioni di geolocalizzazione più diffuse.

Insomma qualcosa che supera di gran lunga Twitter e che per una volta capovolge la visione che spesso abbiamo della Cina come paese che riproduce a buon mercato prodotti occidentali. E che soprattutto sta avendo un grande incremento di popolarità, grazie anche all’utilizzo che ne viene fatto da aziende, da star dello sport e dello spettacolo.

Attualmente Weibo è l’ottavo sito più visitato in Cina, la stessa posizione detenuta da Twitter negli Stati Uniti. In un paese in cui il tasso di penetrazione di internet è ancora molto basso (circa il 35,7% della popolazione) si è rivelato il vincitore tra i concorrenti locali per aver saputo conquistare e mantenere 145 milioni di persone.

Lanciato da Sina Corporation nel 2009 sia avvia a diventare un modello da imitare soprattutto al di fuori del proprio paese. E per una volta i nostri sistemi di microblogging potrebbero guardare ad est per quanto riguarda l’innovazione in questo campo. Soprattutto perché a causa della censura cinese siamo ancora parecchio lontani dal suo affermarsi come importante competitor a livello internazionale.

Chi di voi capisce il cinese?