Tag Archives: chiesa

Che la War on Christmas abbia inizio!

Come accade ad ogni Natale, anche quest’anno i sostenitori dell’ateismo hanno organizzato la loro guerra ai cristiani e alla festa religiosa della nascita di Gesù Cristo: negli Stati Uniti questa manifestazione di protesta si chiama proprio “War on Christmas” e si è scelto di usare i mega-cartelloni pubblicitari per mettere in chiaro l’insoddisfazione verso la festa cristiana e invitare a non festeggiare il Natale.

Il billboard ideato da American Atheists quest’anno raffigura una bambina con un cappello da Babbo Natale intenta a scrivere la sua letterina con il seguente testo: “Caro Babbo Natale, tutto quello che chiedo per Natale è non andare in chiesa, sono troppo grande per le favole“.

L’associazione ateista sostiene che è un messaggio rivolto a coloro che tra gli atei si sentono soffocare in questo periodo natalizio, ma secondo le associazioni cristiane è un attacco a quelli che cercano di inculcare la fede ai loro figli, oltre che un tentativo di incitare i ragazzini a ribellarsi ai genitori che intendono portarli a messa.

Un sondaggio del 2013 ha rilevato che il 77% dei cittadini statunitensi dichiara di credere alla venuta al mondo di Gesù e David Silverman, presidente di American Atheists, ha così commentato: “Oggi gli adulti non sono obbligati a pretendere di credere alle menzogne a cui credevano i loro genitori, è una cosa giusta avere il coraggio di dire che i vostri genitori avevano torto a proposito di Dio e bisogna dire ai propri figli la verità”.

Questo billboard servirà a cambiare i numeri? Probabilmente no, ma quello che è certo è che ogni Natale è accompagnato da una guerra di Natale e questo cartellone contribuirà a dare il via a quella di quest’anno.

Natale

Bevete con moderazione, parola di Heineken

“Save My Night” è il titolo della nuova canzone di Armin van Buuren, DJ di fama mondiale e re della musica dance elettronica, che, in collaborazione con Heineken, invita le persone a bere con moderazione affinché “ciascuno si goda l’atmosfera e la ricordi anche quando la serata è finita”.

Dance more, drink slow” è il nome di questa nuova campagna di sensibilizzazione, creata in collaborazione con Publicis Worldwide.

Il concept viene rappresentato con un esperimento sociale che ha avuto luogo in un nightclub di Miami: nel video vengono confrontate due giornate durante le quali i clienti trascorrono la serata con gli amici, completamente ignari delle telecamere che li stanno filmando.

Ma dove sta la differenza? Nel DJ!

Sembra proprio che la release del nuovo singolo di Armin van Buuren sia in grado di rendere la serata più groovy e coinvolgente e per questo motivo le persone abbiano meno bisogno di ingurgitare alcol per divertirsi.

Heineken desidera contribuire a fornire alla birra un ruolo positivo nella società, facendo in modo che i consumatori guardino al bere responsabile come a un valore a cui tendere” dichiara Alexis Nasard, Global Chief Marketing Officer e Presidente Western Europe di Heineken.

Un dubbio, però, sorge legittimo: non sarà controproducente per un’azienda che produce birra realizzare campagne contro l’abuso di alcol?

Go Home Heineken, (maybe) you’re drunk!

Anima concettuale dell’agenzia, Federico rappresenta una fonte inesauribile di contenuti e spunti di riflessione, per raccontare al meglio la storia di ogni azienda.

Caccia al biglietto!

Domani si disputa a Londra la finale di UEFA Champions League 2013. L’evento di portata internazionale è già sold-out da tempo. Come procurarsi allora gli ultimi biglietti rimasti in circolazione a pochi giorni dalla partita?

Ci ha pensato Heineken, sponsor ufficiale della kermesse sportiva, che ha deciso di regalare tra Roma e Milano 20 biglietti per la serata più importante del calcio europeo. Non in modo del tutto convenzionale però.

E’ stato chiamato The Seat l’evento che ha dato la possibilità ai partecipanti, reclutati all’interno delle Università delle due città, di aggiudicarsi la finale. Ideato e realizzato da Publicis, si tratta di una sorta di  caccia al tesoro:  dei sedili rossi (esattamente come quelli dello stadio di Wembley, dove si disputerà la finale) sono stati nascosti nei posti più disparati lungo le vie di Roma e Milano. Sotto ognuno di loro si nascondeva un biglietto.

Le sedute da stadio dovevano essere trovate dai concorrenti in un’ora di tempo. Compito realmente arduo visti i luoghi dove erano stati posizionati!

Verificate voi stessi dando un’occhiata al video dell’evento.

Solo uno dei concorrenti è riuscito a completare la caccia alla seduta e ad assicurarsi la presenza a Londra domani sera.

Voi avreste partecipato?