Il panorama dei motori di ricerca nel 2010

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

L’articolo appena pubblicato su Seomoz intitolato significativamente “The Search Engine Landscape in 2010”, e diviso in tre slide, fa il punto della situazione sul mondo della ricerca online e del conseguente ranking dei siti nell’anno in corso

La condivisione di ricerche è prevalentemente riconducibile all’Europa (32%), seguita a ruota dall’Asia (30,8%) e, in rigoroso ordine, da Nord America, Sudamerica e Medio
Oriente ed Africa.

La crescita globale del volume della ricerca è principalmente merito di Google, che tra i vari tools di ricerca è di gran lunga quello che ha avuto lo sviluppo maggiore. Si difendono bene anche Yahoo e Baidu.com Inc., mentre Microsoft, eBay e NHN Corp restano attardati.

Nel quantificare i click che avvengono su Google, ci accorgiamo che la SEO incamera la stragrande maggioranza delle visite (l’88% dei click) ai danni del PPC (pay per click) che si aggiudica appena il 12% del traffico. Stando alle spese, però, è il PPC a comandare i giochi: negli Stati Uniti, infatti, è stato destinatario di 18 miliardi di dollari di spese, contro il miliardo e mezzo destinato ai semplici risultati SEO.

Tra le attività principali sulla rete domina lo scambio di email (60%), che precede la ricerca online (49%) e la consultazione di news (39%). La morale della favola è che, col passare del tempo, cerchiamo sempre di più (a prescindere dal motore di ricerca scelto) col passare addirittura dei mesi. Le query principali sono quelle di navigazione, quelle relative alla richiesta di svariate informazioni oppure di “commercial investigation” e di transazioni.

La slide spiega anche dettagliatamente come effettuare le procedure di “crawling” e “indexing” e consiglia quale delle due strategie scegliere a seconda dei propri obiettivi, oltre a chiarire i meccanismi di algoritmo utilizzati dai motori di ricerca. Tra questi, dominano l’attendibilità del dominio da cui proviene il contenuto (23,87%) e la popolarità della pagina specifica (22,3%); segue il testo dei link esterni alla pagina (20,26%).

Web20 Fishkin Search Landscape