Le parole chiave per una ricerca alternativa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Buona parte dell’attività di web marketing ruota intorno alla scelta delle keyword (parole chiave). Non è un compito così banale come può sembrare.
Due sono i rischi nei quali si può incorrere:

– il rischio della concorrenza: si comincia a stendere il proprio elenco di parole chiave e ci si ritrova con un elenco di parole assolutamente banali, cioè le stesse parole che per prime sono venute in mente a chiunque altro si occupi dell’ottimizzazione di un sito dello stesso settore.
– il rischio rarità: se la parola è usata di rado da chi sviluppa i siti (o crea gli annunci PPC) è molto probabile che non sia molto usata neanche da chi esegue le ricerche, nonostante il sito abbia un’ottima visibilità all’interno della SERP.

Le parole chiave e il tema di una ricerca costituiscono infatti una parte determinante della Search, dei Social Media e del Content Marketing.

Un’azienda può lanciare un prodotto dopo che ha ben chiaro che le parole chiave sono ricercate dal mercato di riferimento. Contrariamente a ciò, i web marketer ricorrono spesso nell’errore di partire dal prodotto, non considerando il fatto che probabilmente così non riscuoteranno successo.

Negli ultimi anni il panorama delle ricerche per le parole chiave si è evoluto in modo significativo, integrando le pagine web con aspetti digitali come immagini, pdf, video, social media e mobile. In questo modo i marketer possono sfoderare la loro creatività migliorando la ricerca attraverso le parole chiave e individuando su che cosa e dove i consumatori preferiscono effettuare una ricerca.

Esistono una serie di parole chiave per ottimizzare la vostra ricerca a seconda delle categorie di preferenza.

Ecco di seguito alcuni esempi:
mobile SEO
news optimization
video optimization
social media optimization

Voi che tipo di parole utilizzate?