Web marketing: impulsività o pianificazione?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Qual è il fattore più importante nella scelta delle proprie mosse di marketing? Era questa la domanda cui ha provato a rispondere il nuovo rapporto di Econsultancy.

A questo quesito i professionisti delle piccole e medie imprese hanno risposto indicando come siano le azioni dei concorrenti il primo fattore in base a cui agire a propria volta.

Tuttavia, per quel che riguarda le grandi compagnie, è stato anche aggiunto che sì, le tattiche di marketing vengono scelte in base alle mosse dei concorrenti, ma è anche vero che vengono intraprese solo se sono in linea con specifiche strategie a lungo termine.

Lo studio offre anche altre spiegazioni alla questione; spiegazioni che saranno rivelate domani, in un webinario. Ma la domanda che sorge spontanea è questa: Perché le compagnie più piccole vengono maggiormente influenzate dalle tattiche di marketing dei loro concorrenti rispetto alle grandi imprese?

Ci sono probabilmente molte variabili in gioco, come ad esempio:

  • Il tempo: non si possono permettere di pianificare le  cose due o tre anni prima.
  • Il budget: non hanno abbastanza denaro da investire per provare qualcosa di nuovo, perché non possono permettersi un fallimento.
  • La riluttanza: hanno paura che i loro concorrenti possano trarre un vantaggio.

La maggior parte di questi elementi sono strettamente d’impulso, e legati allo short-term. Oltre ad essere facilmente intuibili.

Se siete una di queste compagnie, che osservano attentamente le mosse della concorrenza prima di intraprendere un’azione di marketing, ci sono molti modi per fare tutto questo in maniera efficace:

1. Fate una lista di concorrenti. Sembra scontato, ma è cruciale. Dovete avere una lista di tutti i vostri concorrenti.

2. Raccogliete informazioni. Ci sono molti modi per raccoglierle. Uno è quello di andare a un expo e raccogliere tutta la documentazione possibile. L’altro è quello di analizzare i loro siti web e i loro contenuti. Potete anche usare il web per documentarvi sui loro listini prezzi.

3. Createvi una rete. Potete iniziare con una analisi SWOT (Strengths, Weaknesses, Opportunities, Threats, ovvero Punti forti, Debolezze, Opportunità, Minacce), quindi proseguire listando prodotti, distribuzione, prezzi ecc.

4. Determinate quanto il vostro marketing sia efficiente. Potete usare Website Grader per vedere quanto sia efficace il sito web di un vostro concorrente. Questo vi darà tutti i dati necessari sul loro traffico web, in relazione al vostro sito.

La ragione per cui dovete procurarvi queste informazioni e rielaborarle, è quella di valutare le tattiche di mercato dei vostri concorrenti. Praticamente, dovete osservare attentamente le tattiche di quei concorrenti il cui marketing è più efficiente del vostro, ed anche quali prodotti sono in diretta competizione con i vostri.

Ma l’analisi delle potenzialità della concorrenza è solo una tessera del mosaico. Ci sono anche lo short-term e l’”impulsività”. Dovete crearvi un piano di battaglia che tenga conto sia di strategie sia a breve che a lungo termine. Questo è quello che fanno le grandi compagnie. Ed è questo che dovrebbero fare anche le piccole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *