Aziende nei Social Media: 5 errori e 5 soluzioni

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Sulla scia del post di mercoledì 25 agosto, continuiamo ad analizzare l’utilizzo dei social media da parte delle aziende, dando però oggi delle soluzioni pratiche agli errori più comuni.

Sempre più aziende utilizzano i social media come Twitter, Facebook, Linkedln, YouTube, inoltre le piattaforme user-driven forniscono nuove opportunità per raggiungere un pubblico nuovo o per comunicare al pubblico già esistente in modo innovativo. Per utilizzare le piattaforme user-driven, non sono necessarie competenze particolari di HTML, FTP o altro, infatti sono relativamente semplici e poco costose.

Come già accennato nel post precedente, l’utilizzo degli strumenti di marketing sociale da parte delle aziende non segue, nella maggioranza dei casi, una pianificazione strategica, le aziende infatti sono presenti nel web in maniera superficiale.
In questo articolo cercheremo di capire come utilizzare i social media in modo efficace.

Molte aziende ritengono che, in termini di marketing, più comunicazione c’è meglio è. Ma le implicazioni negative che derivano da questo comportamento sono molte, tra cui:

• Investimenti in attività di marketing e comunicazione di basso valore invece che in quelle di alto valore;
• Creazione di “rumore”, nel peggiore dei casi si può arrivare anche a una svalutazione del brand;
• Creazione di confusione nel mercato per la diffusione di messaggi contradditori.

Le stime attuali ritengono che, nel Nord America, i consumatori siano esposti in media a 600-3000 messaggi pubblicitari al giorno!

Il vostro target non vuole essere sommerso dai messaggi, quello che desidera è una comunicazione efficace ed informazioni utili.
Per creare un valido programma di comunicazione è necessario analizzare quali piattaforme di social media sono coerenti con gli altri strumenti del marketing mix.
E’ importante decidere in modo strategico, cioè far sì che i vari mezzi si completino a vicenda, al fine di ottenere risultati migliori. Essere presenti in tutte le piattaforme sociali solo per il fatto di esserci può non portare benefici all’impresa.

Maria Ford, giornalista di marketing e presidente delle comunicazioni Kaszas, ha delineato i 5 errori più comuni che le aziende commettono nell’utilizzo dei social media, evidenziando inoltre gli strumenti per risolvere questi problemi o, meglio ancora, per evitarli.
Ve li proponiamo:

• Errore 1: Non aver analizzato l’utenza

Saltare sulle più recenti piattaforme di comunicazione senza prima chiedersi: “Chi è il mio pubblico? Facebook (ad esempio) è il modo migliore per raggiungerlo?” è la causa principale di una comunicazione di marketing inefficace.

Soluzione: a volte la conoscenza interna all’azienda riguardo al target può essere sufficiente per determinare se vale la pena seguire un determinato percorso di comunicazione o meno. Utilissime le interviste, le indagini e i sondaggi sul target di riferimento, per stabilire le sue preferenze in termini di comunicazione.

• Errore 2: Attenzione solo ai messaggi

Molte volte le persone all’interno delle aziende tendono a concentrarsi sul messaggio da inviare al pubblico, senza però analizzare i destinatari.

Soluzione: Suddividi il pubblico in segmenti. Ad esempio. “business partner” può essere un pubblico con il quale l’azienda ha esigenza di parlare spesso. “I partecipanti alla manifestazione X” saranno magari una diversa fetta di clienti. Questo approccio permette ai soggetti aziendali di approfondire la conoscenza dei vari segmenti di pubblico e inviare messaggi fatti ad hoc per le loro esigenze.

• Errore 3: Troppo o Troppo poco

Offrendo al pubblico troppa scelta si rischia di creare rumore. Ad esempio, se un consumatore riceve le stesse informazioni da Twitter, da Linkedln, dalle newsletter etc, ad un certo punto eviterà queste comunicazioni e potenzialmente potrà perdere informazioni importanti.
Anche offrire troppo poco può risultare problematico. Ad esempio, molti organizzatori utilizzano Facebook per pubblicizzare eventi e concorsi escludendo siti web e pubblicità tradizionale. Tuttavia, l’ipotesi che “tutti” sono su Facebook o che tutti coloro che sono su Facebook sono interessati a quella determinata informazione è errata.

Soluzione: scegli il mix di veicoli adatto al tuo target e al tuo scopo. Suddividi i messaggi per argomento. Inoltre, consenti al pubblico di scegliere il formato preferito per ricevere le informazioni (e-mail giornaliere, settimanali, mensili, RSS, social media etc). Soprattutto, crea un luogo dove il pubblico può trovare tutte le informazioni disponibili su un determinato argomento. (es. sito web)

• Errore 4: Non riuscire a consolidare messaggi e informazioni

Un problema comune ai metodi rapidi per diffondere le informazioni (ad es. Tweets, Facebook, Linkedln) è la difficoltà ad avere un quadro completo, è facile perdere il controllo dei messaggi a causa della condivisione di stato, è quindi importante avere un luogo che consenta di avere una visione integrale dell’argomento trattato.

Soluzione:
1. Considera il numero di messaggi e di aggiornamenti da diffondere;
2. Attua la soluzione all’Errore 3;
3. Fornisci per ogni argomento un luogo unico dove è possibile trovare tutte le informazioni, come una pagina Web, ma anche un numero verde o un luogo fisico come un ufficio informazioni;
4. Infine, ad ogni messaggio su un determinato tema comunica al pubblico dove può trovare le informazioni complete sull’argomento.

• Errore 5: preda “facile” ed “economica”

Il problema principale delle nuove tecnologie e che sono semplici, economiche e senza barriere all’ingresso. A causa di queste caratteristiche spesso vengono utilizzate superficialmente dalla maggior parte delle aziende, senza una vera pianificazione strategica. I problemi che ne possono derivare sono i seguenti:
-> Creazione di rumore a causa di troppe informazioni, i messaggi davvero importanti rischiano di non essere assimilati.
-> Data la mole di messaggi di scarso valore, si addestra il pubblico a non prendere in seria considerazione i messaggi importanti.
-> Essere presenti molte ore al giorno on-line senza una previa pianificazione off-line.

Soluzione: Considera questi nuovi mezzi di comunicazione in un quadro più ampio, analizza il target e i suoi bisogni, predisponi una pianificazione che tenga conto della coerenza tra i vari mezzi del marketing mix.

I nuovi mezzi di comunicazione son una risorsa preziosa: sono facili, rapidi ed economici.
Per sfruttare al meglio questi strumenti, evitando una risposta negativa del pubblico, è necessaria una pianificazione strategica intelligente che permetta di ottenere realmente un risconto economico.

Mi raccomando, mettete in pratica questi preziosi consigli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *