2010-2014: Crescita del Settore Comunicazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Grazie al graduale recupero dell’economia globale, ai progressi della tecnologia digitale e alla spesa dei consumatori, gli investimenti nel settore delle comunicazioni sono aumentati nel 2010 del 3,5%.  La Veronis Suhler Stevenson (VSS), società newyorkese di private equity, stima che questo settore avrà un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 5,8% nel 2010-2014, raggiungendo 1.400 miliardi di dollari di spesa entro il 2014.

2010-2014_crescita_settore_comunicazione

Significativi aumenti della spesa sono attesi nei seguenti settori:

1. Business & Professional Information & Service: si prevede un CAGR del 8,2% durante il periodo 2009-2014, raggiungendo 249  miliardi di dollari nel 2014. L’aumento sarà il risultato soprattutto dell’espansione dei servizi su mobile attraverso le suite di applicazioni che permetteranno di incorporare databases, soluzioni software e outsourcing processing services per migliorare la produttività.

2. Media mirati, Entertainment & Leisure e Media: si prevede che questo settore aumenterà del 7,3% nel 2009-2014, raggiungendo 265,58 miliardi di dollari nel 2014. La crescita sarà stimolata dal segmento Consumer Pure-Play Internet & Mobile Services , il quale dovrebbe crescere ad un CAGR del 14,6% nel 2009-2014, raggiungendo 87,79 miliardi di dollari nel 2014.
Il Branded Entertainment dovrebbe aumentare con un CAGR del 9,2% a 38,16 miliardi di dollari. Per il Custom Pubblishing in outsourcing, dove gli inserzionisti cercano approcci mirati per raggiungere un pubblico chiave, si prevede un aumento CAGR dell’11,2% per raggiungere 6,57 miliardi di dollari nel 2014.
I settori Pubbliche Relazioni e Word-of-Mouth Marketing dovrebbero aumentare invece del 9,7% CAGR nel corso del 2009-2014, raggiungendo 8,01 miliardi di dollari nel 2014, il settore Business & Professional Services vedrà una crescita invece del 9,1% raggiungendo 147,12 miliardi sempre nel 2014.

3. Media Education & Training & Services: si prevede un aumento del 6,8 % CAGR, raggiungendo 311,28 miliardi dollari di spesa entro il 2014.

4. Intrattenimento e tempo libero Media: si presume nei prossimi cinque anni un aumento  CAGR del 6,3, raggiungendo 353,87 miliardi dollari nel 2014.
Il driver primario continuerà ad essere l’Abbonamento TV.

5. Media Marketing: per questo settore è prevista una crescita più lenta durante il periodo di previsione, con un aumento CAGR soltanto del 1,8 %, pari a 77 miliardi di dollari. Si avranno guadagni solidi in Relazioni Pubbliche e Word-of-Mouth Marketing che saranno in grado di attenuare la  lenta crescita dei segmenti tradizionali di marketing, come il Business-to-Business Promotions e il  Consumer Promotions.

6. Tradizionale Consumer Advertising Media: questo settore comprende Broadcast TV , giornali, riviste dei consumatori, Broadcast & Satellite Radio, pagine gialle, e Media Out-of-Home. Si prevede un guadagno CAGR del solo 2,2 % nel 2009-2014, raggiungendo 159,30 miliardi di dollari entro il 2014.

Di seguito, le proiezioni supplementari emesse dalla società di private equity Veronis Suhler Stevenson (VSS).

Dal punto di vista delle entrate, la crescita globale del settore delle comunicazioni nei prossimi cinque anni sarà probabilmente alimentata da aumenti di spesa da parte dei consumatori e delle istituzioni per l’utente finale. Il Flusso in Entrata dell’Advertising, che ha registrato un calo per due anni consecutivi sarà interessato da tassi di crescita più forti anche del Marketing Services nel corso del periodo di previsione (2010-2014), ma analizziamo nel dettaglio:

• Flusso in Entrata Istituzionale: resterà il flusso con una più rapida crescita, con un aumento del 5,3% nel 2010 (490,54 miliardi dollari), e con una previsione di aumento CAGR del 7,3 % nel 2010-2014 , raggiungendo 661,48 miliardi dollari di spesa entro il 2014.

• Flusso in Entrata Consumatori: prevede una crescita del 3,6% nel 2010 (225,88 miliardi dollari), e un incremento CAGR del 6,0% nel corso del 2010-2014, per 292,07 miliardi dollari entro il 2014. Dato che il  digitale e i canali wireless proliferano, secondo VSS, i consumatori potranno dedicare una parte della spesa ai mezzi di hit-driven, come ad esempio home video, videogiochi e musica. La spesa per Internet pure-play e contenuto mobile godranno di una forte crescita dovuta alla migrazione dei consumatori verso le piattaforme digitali e l’adozione di cellulari di quarta generazione e smartphone.

• Flusso in Entrata Advertising: grazie alle Olimpiadi e alle campagne politiche durante il periodo 2010-2014  si prevede un aumento del 5,4% nel CAGR , con una spinta alla spesa pubblicitaria di 234,90 miliardi di dollari entro il 2014.

• Flusso in Entrata Marketing Services: comprende Direct Marketing, Branded Entertainment e Outsourcing Custom Publishing. Questi settori beneficeranno nei prossimi cinque anni di veicoli alternativi come l’email marketing, nuovi eventi, e-publishing personalizzate e la commercializzazione word-of-mouth . Il settore ha ottenuto nel 2009 la peggiore performance in 35 anni, scendendo del 9,6% a 189,86 miliardi dollari. La causa principale di tale calo è da ricercare soprattutto nei veicoli di Marketing tradizionale, come il direct mail, il point-of-purchase e il  business-to-business promotions. Il settore dovrebbe essere protagonista di una ripresa nel periodo 2010-2014, con un CAGR del 3,7% raggiungendo 227,82 miliardi dollari entro il 2014.
Tuttavia, resterà il più basso dei quattro Flussi in Entrata calcolati dalla VSS.

E voi, nella vostra attività, avete scorto qualche elemento che faccia sperare in una ripresa del settore Marketing?

One Response to 2010-2014: Crescita del Settore Comunicazione

  1. […] fronte ai cambiamenti in atto, sopratutto in ambito economico, gli investimenti in comunicazione non sembrano arrestarsi, anzi. Come evidenzia Gene Leganza su forrester “è divertente guardare emergenti tecnologie […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *