Vuoi attirare a te potenziali clienti? Segui questi 11 consigli!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Con l’avvento del nuovo anno, Hubspot ha pubblicato sul suo blog una guida per pianificare una campagna inbound marketing di successo.

Per chi non fosse a conoscenza del significato esatto di inbound marketing, vi basti sapere che si tratta di una tipologia di marketing adottata dalle imprese allo scopo di essere scovate da potenziali clienti (outside-in), al contrario del tradizionale outbound marketing (inside-out) che vede le aziende concentrate direttamente sul loro target.

Iniziamo ad analizzare i vari punti di questa guida.

1. Identifica il tuo pubblico

Se sei alla ricerca di una strategia di marketing per la tua azienda o vuoi realizzare una campagna per il lancio di un prodotto specifico, il primo passo fondamentale da compiere è definire il tuo target, identificando al più presto i seguenti dati:

• Dati demografici
• Preferenze
• Criticità importanti
• Come risolvere queste criticità
• L’attuale impressione sulla tua azienda/prodotto
• Le obiezioni frequenti

2. Fissa gli standard e gli obiettivi

Hai bisogno di sapere dove sei per sapere dove stai andando. Prima del lancio di una campagna, fai il bilancio dell’attuale traffico del tuo sito e dei numeri di leads e clienti acquisiti da campagne simili realizzate in passato. Usa questi standard per fissare gli obiettivi della tua campagna.

I tuoi obiettivi dovranno andare oltre l’”aumentare la consapevolezza” in termini di concretezza ed ottenere risultati più fattibili del “triplicare il volume delle vendite in un mese”. Punta a creare ciò che i venditori chiamano obiettivi intelligenti: specifici, misurabili, raggiungibili, attinenti e con scadenza.

Per esempio: “Genera [un tot di] esempi che si focalizzano su [argomento/prodotto] entro [data di scadenza].”

3. Scegli le keywords e ottimizzale per la ricerca

Parte integrante del tuo piano di marketing sono le keywords. Queste avranno la priorità nei tuoi titoli e all’interno dei tuoi contenuti. Lo scopo, in questo caso, è quello di favorire l’ottimizzazione per i motori di ricerca.

4. Traccia tutte le URL

Al termine della tua campagna, vorrai supervisionare ogni suo singolo componente per misurare il suo contributo in termini di raggiungimento degli obiettivi finali. Di cosa avrai bisogno? L’unica soluzione sarà tracciare tutte le URL.

5. Realizza offerte e landing pages

Adesso che i punti fondamentali di una campagna sono stati svolti, dovrai creare offerte per attirare potenziali clienti e landing pages per poter aumentare il conversion rate. Verifica gli elementi principali della tua landing page, come il titolo e la meta description, incluse le keywords scelte da te in precedenza.

6. Scegli i tuoi canali promozionali e pubblicizzali

Se possiedi una mailing list di contatti potenzialmente interessati ai tuoi contenuti, crea una newsletter o un’email dedicata da inviare ricordandoti di includere gli appositi tasti per la condivisone sui social e di tracciare le URL.

7. Scrivi post sull’argomento

I blog rappresentano un sistema utile e search-friendly per attirare persone alla tua offerta. Riproponi parte di essa attraverso un post e collega la landing page al contenuto. In alternativa scrivi proponendo argomenti simili allo scopo di destare comunque interesse.

8. Condividi il contenuto sui social media

Pubblica con assiduità sui social media contenuti riguardanti la tua offerta per tutto il periodo della tua campagna. Non limitarti a postare ogni giorno la stessa cosa. Prova tecniche diverse e vedi quale convince di più.

9. Prendi in considerazione ricerche a pagamento e altri canali

Gli altri canali possono far parte della tua campagna inbound: assicurati però di poterli seguire tutti insieme in modo tale da essere a conoscenza di quanto contribuisca ognuno di loro alla tua campagna.

10. Crescere leads generati attraverso le tue offerte

La tua campagna non finisce quando i leads vengono convertiti. Per condurre i nuovi potenziali clienti a un punto in cui sarebbero pronti a dialogare con i vostri commerciali, aggiungete alla vostra offerta una campagna di creazione di interesse o una serie di e-mail successive pertinenti. Ciascuna di queste e-mail dovrebbe aiutare a indurre il potenziale cliente verso il passo successivo del suo processo decisionale.

11. Fornisci un resoconto dei risultati

Ora che il piano è stato completato e la tua campagna è pronta, torna ai tuoi obiettivi originali e utilizza analytics per essere in grado di avere una costante consapevolezza del suo andamento.

Se hai tracciato correttamente gli URL potrai essere in grado di registrare quante visite ha generato la tua campagna nel menu di Google Analytics. Registrati a Google Analytics, clicca su “Acquisitions” nella colonna di sinistra e poi clicca su “Campagne” per vedere il traffico della tua campagna.

Speriamo che questi consigli possano esservi utili. Se ne avete altri da proporre, lasciateci un commento. D’altronde, come una volta disse il poeta statunitense Ezra Pound: “non sappiamo mai abbastanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *