Volunia: il nuovo motore di ricerca targato Italia!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

C’erano una volta Massimo Marchiori e Google: vi ricordano nulla questi due nomi? Ve lo spieghiamo noi. Il primo, matematico docente all’Università degli Studi di Padova, ideò nel 1995 Hyper Search, un motore di ricerca che basava i risultati non soltanto sui punteggi delle singole pagine, ma anche sulla relazione che legava la singola pagina col resto del web.

Nacque così l’algoritmo di Google, di seguito donato a Larry Page e Sergey Brin che lo trasformarono nel colosso planetario che oggi tutti conosciamo. Da allora il professore ha ricevuto diverse offerte di lavoro, da Google, a Microsoft, a Yahoo. Marchiori però ha resistito alle lusinghe del successo internazionale per rimanere in Italia e inseguire un’idea: “Sviluppare il motore di ricerca di terza generazione, basato sull’interazione delle persone con il sistema”.

Il sogno si è trasformato in realtà e oggi si chiama Volunia il nuovo motore di ricerca che, grazie all’assenza di capitali esteri, può vantare un dna tutto italiano. La fase sperimentale sarà avviata entro metà dicembre in dodici lingue differenti.

Volunia  è frutto del lavoro di tre anni svolto insieme a un gruppo di ricercatori dell’università di Padova. L’idea è nata nel 2007, dall’incontro tra Massimo Marchiori e Mariano Pireddu, l’imprenditore sardo fondatore di Voljatel che ha investito milioni di euro in questo progetto.

Agli utenti desiderosi di provare in anteprima mondiale il nuovo motore verrà data l’opportunità di pre-registrarsi su www.volunia.com. La fase di test è organizzata in modo che i primi users abbiano a disposizione un canale di feedback diretto con la sede centrale, ricevendo in anteprima le informazioni sui futuri sviluppi del motore.

Riserbo assoluto sul lancio da parte di Marchiori che si lascia sfuggire soltanto una dichiarazione: “Se non avessi pensato che era una cosa grossa, in grado di competere con i big della ricerca online, non mi ci sarei mai messo. Se Google usa la clava, ecco noi opereremo con il fioretto. Emergeremo grazie alla differenza del nostro motore. E perché Volunia sarà davvero utile alla gente”.

Una sfida a Google che incuriosisce parecchio e che forse rivoluzionerà il mondo della web research, grazie ad una creazione esclusivamente italiana.

E voi che ne pensate? Sarà Volunia il primo e vero competitor di Google?

One Response to Volunia: il nuovo motore di ricerca targato Italia!

  1. Finalmente un motore di ricerca competitivo italianissimo. Speriamoc che riesca a sfondare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *