Video marketing strategy: 5 consigli per aumentarne l’efficacia

value_of_video_content_marketing
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Ne avevamo già parlato qui: il video marketing è uno dei settori pubblicitari più in ascesa, e nel 2016 si confermerà uno dei più redditizi. Basta pensare che circa l’81% dei Millennials negli Stati Uniti usano con una certa frequenza YouTube.

Perché i video sono così efficaci? Come posso renderli tali?

Se la parola scritta può fornire una visione d’insieme di un certo argomento, difficilmente andrà a colpire direttamente il cuore del cliente. Spesso, per arrivare ad intercettare il sentiment si utilizza un approccio che abbina le immagini al testo. Ma se il testo è limitato, i video sono più coinvolgenti e hanno effetti più potenti nelle persone – naturalmente purché siano fatti bene.

Se volete sfondare nel 2016 con i vostri video, iniziate con il seguire questi 5 semplici consigli: i risultati non si faranno attendere!

online-video-marketing

1 – Video brevi o video lunghi?

L’essere umano ha una soglia d’attenzione molto breve: il passo dall’attenzione alla distrazione è molto limitato. Perciò anche il tempo del  video deve essere altrettanto limitato per catturare completamente l’utente, catapultandolo in un’altra realtà. Recenti studi hanno scoperto che la nostra attenzione è equiparabile a quella di un pesce rosso: ecco perché siamo più attratti da messaggi brevi, dai video brevi e dai tweet sintetici.

2 – Storie

Lo storytelling è fondamentale: le persone sono attratte dalle storie, anche quando esse centrano poco con il brand in sé, ma lo raccontano in modo trasversale (basta dare un occhio alle pubblicità della Nike, dove il marchio e i prodotti non compaiono che alla fine). Rendere il brand più umano, più vicino al proprio pubblico sono tutte strategie che faranno percepire in modo positivo l’azienda. Non raccontare il brand: racconta la storia del brand.

3 – Call to action

Includi sempre nei video una “call to action”: più sarà intrecciata e inclusa nella storia che racconti, più sarà efficace. È importante che sia allo stesso tempo chiara e collegata con il racconto che hai iniziato prima. Dev’essere la conclusione di un flusso, non un’appendice indipendente.

apps-para-video-marketing

4 – Tutorial

Non c’è metodo migliore che postare dei tutorial per conquistare la fiducia dei clienti. Per due motivi: il primo è perché in questo modo offrite alle persone dei contenuti utili, che potranno utilizzare nella vita reale per risolvere i propri problemi. Il secondo perché darete voce ad esperti, o esperti vi farete vedere voi. E chiunque si fida di un esperto, in qualunque campo egli lavori.

5 – Ottimizza i video per la ricerca

Così come il testo, anche i video possono essere ottimizzati, sia per i motori di ricerca sia per l’occhio umano. Per il primo è importante utilizzare le giuste keywords e le trascrizioni del testo HTML all’interno del video. Per i secondi, opta per immagini semplici, testi accattivanti (che stupiscano), descrizioni brevi e soprattutto contenuti utili.

Con queste armi, potrai affrontare in modo consapevole e preparato la nuova sfida del 2016: i video. Questi consigli sono la base di partenza. Se sei interessato al corso avanzato, noi siamo qui per questo! Go viral!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *