Chi pagherebbe per Twitter? Lo 0% degli americani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

L’esito dell’indagine dell’University of Southern California, di per sé, non sorprende. Ma è talmente incisivo e perentorio da meritare di essere sottolineato. La domanda: quale percentuale di americani pagherebbe per servizi online come Twitter? La risposta: lo 0%. Zero-per-cento.

Il testo della ricerca recita:

Anche se quasi la metà degli intervistati dagli ultimi sondaggi ha detto di frequentare siti gratuiti di micro-blogging come Twitter, lo 0% ha dichiarato che sarebbe disposto a pagare per questi servizi. Twitter non ha intenzione di “tassare” i suoi utenti, ma questo risultato dimostra, al di là di ogni dubbio, le enormi difficoltà che si incontrano quando si tenta di mettere a pagamento un servizio gratuito”.

Altre rilevazioni interessanti:

Percentuale di americani su internet: per la prima volta si scopre che la rete è frequentata da oltre l’80% degli americani (82%).

Ore settimanali in linea: il tempo medio online ha ormai raggiunto le 19 ore settimanali, il più grande incremento annuale di sempre.

L’uso di internet a seconda dell’età: il 100% degli under 24 è collegato alla rete.

Bassa adozione dei nuovi media: una percentuale ancora rilevante di utenti non fa instant messaging (50%), blogging (79%), chatting (80%) o telefonate (85%).

One Response to Chi pagherebbe per Twitter? Lo 0% degli americani

  1. Meemi scrive:

    Ed hanno ragione secondo me.. perchè pagare per un prodotto che non offre nessuna funzionalità esclusiva? Se Twitter diventasse a pagamento, ci sarebbero una marea di siti pronti a prendere il suo posto. Per esempio in Italia c’è meemi, come descritto nel sito che ho linkato!

    Secondo me solo Facebook potrebbe permettersi di creare una membership a pagamento, oramai la gente è drogata di FB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *