Tag Archives: email marketing

email marketing ippogrifo

Vuoi vendere? Inizia a fare email marketing.

La pratica di inviare messaggi di posta elettronica a clienti già acquisiti o potenziali è sempre più diffusa.

In particolare, questi messaggi hanno lo scopo di acquisire nuovi clienti e fidelizzare quelli che lo sono già.

Antonio Pastore
Ha studiato Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Bologna. Ha conseguito un Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa. Appassionato di Marketing, Comunicazione e Scrittura Creativa.
marketing B2B Italia

Vendi prodotti o chiacchiere? Ecco come le aziende italiane sfruttano il marketing B2B

L’Osservatorio sul Marketing B2B, presentato nei giorni scorsi durante il BtoB Marketing Forum di Milano, ha fotografato lo stato del marketing B2B e ne ha osservato i trend.

A che cosa serve il marketing B2B?

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
acquisire clienti marketing B2B

5 modi per perdere clienti con il marketing B2B (e cosa fare per acquisirli subito)

Da quando si è sviluppato il marketing fino ad oggi, si sono perse molte di quelle che sono le regole fondamentali per riuscire ad ottenere la visibilità desiderata e generare lead di buona qualità. Se sei uno di quelli che pensano che i potenziali clienti siano solo numeri da portare a casa per poter dire di aver fatto un buon lavoro, probabilmente ti stai allontanando da quello che è l’obiettivo principale del marketing.

Senza un approccio strategico, rischi di rendere inefficaci gli strumenti del marketing a tua disposizione.

Andrea Marson
Ha studiato Economia, Commercio Internazionale e Mercati Finanziari presso l’Università degli studi di Trieste.
Appassionato di marketing e comunicazione, segue con curiosità le ultime novità economiche.
ippogrifo-marketing-natale-mail

Come perdere clienti a Natale (e come conquistare la loro fiducia)

Siamo quasi a Natale e le mail di auguri sembrano non finire più. Forse penserai che questo sia il periodo più piatto e infruttuoso dell’anno a causa delle feste. Ma lo sapevi che invece è possibile sfruttare a tuo vantaggio questo periodo festivo?

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
email-icon

Come perdere clienti con l’email marketing: 3 errori da evitare

Se c’è uno strumento che quasi tutte le aziende utilizzano (più o meno efficacemente) è l’email marketing. Semplice, alla portata di tutti ed economico: scrivere una mail per promuovere la propria attività o azienda è un metodo utilizzato da oltre l’85% degli utenti di internet ma soprattutto è uno strumento che nel 2015 ha prodotto un ROI di 3.800%.

Attenzione però! Questi sono i numeri che un corretto utilizzo delle mail come strumento di marketing può generare, se si cercano di evitare alcuni errori:

email-marketing

  1. NON VARIARE I CONTENUTI. Se l’unica cosa che fai è bombardare la tua lista email con messaggi puramente promozionali, stai sbagliando. Cerca di condividere informazioni utili e interessanti per far in modo che valga la pena leggere il tuo email marketing, anche se il cliente non deve comprare ancora nulla. Quando sarà pronto all’acquisto, avrà tutte le informazioni necessarie per fare la scelta migliore.
  2. NON RICORDARSI DEL CONSENSO PREVENTIVO. Non aggiungere email prendendole da siti o biglietti da visita e non comprare mailing list. Inviare in modo massivo messaggi a utenti che non si sono iscritti volontariamente e in modo verificabile, significa fare spam ed è una pessima figura per la tua azienda. Le persone non sopportano di avere la casella di posta intasata da mail che non hanno autorizzato. Il minimo che puoi fare per non finire nella cartella spam ed evitare di incorrere in sanzioni è chiedere conferma dell’iscrizione con un’email.
  3. ALLE PERSONE NON INTERESSA “INVIARE”. Nel form per l’iscrizione alla mailing list o alla newsletter alla fine troverai un pulsante con frasi come “Invia” o “Conferma” oppure “Ok” che non sono per niente interessanti per il cliente. Cerca di creare un form stimolante che faccia venir voglia di iscriversi alla tua newsletter.

email-marketing-icon

Se sei interessato a creare un piano di email marketing vincente, contattaci per capire qual è la proposta più adatta a te!

Francesca Zia
Ha studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Trieste. Appassionata di marketing e di economia, segue con attenzione le ultime tendenze in fatto di comunicazione
Trendinglogo

2016: tutti i numeri del marketing

Nel 2016 ha ancora senso fare mail marketing? Quanto sono efficaci le landing page? Qual è la direzione che il video marketing sta prendendo? Si vende di più con il mobile o con il marketing tradizionale?

Per rispondere a tutte queste domande abbiamo raccolto i dati dalle ricerche più autorevoli per regalarvi una fotografia del marketing b2b e del marketing digitale nel corso del 2016.

Marketing generico

marketing_fish

  1. Il 72% delle organizzazioni chiede alla propria audience di iscriversi alla propria newsletter (Content Marketing Institute, 2015)
  2. L’85% delle aziende B2B afferma che l’obiettivo principale nei prossimi 12 mesi è la lead generation (Content Marketing Institute, 2015)
  3. Gli addetti al marketing B2B citano la qualità dei lead, le vendite e gli alti ratei di conversione come le 3 metriche più importanti (Content Marketing Institute, 2015).

Email marketing

images

  1. Per un’analisi più approfondita leggi qui.
  2. L’email marketing è la scelta #1 per la maggior parte dei marketers (Campaign Monitor, 2015)
  3. Nel 2015 il ROI dell’email marketing è stato del 3800% (Campaign Monitor, 2015)

Mobile marketing

Blog-Mobile-App-Marketing-2016

  1. Il 19% delle attività locali interpellate afferma di non avere ancora un sito web mobile (ReachLocal, 2016)
  2. Il 63% delle attività locali ha in programma di investire in un sito mobile-friendly nel corso del 2016 (ReachLocal, 2016). Per non restare indietro, contattaci subito per una consulenza!
  3. Nella prossima stagione di vacanza, il 60% degli acquirenti online tra i 18 e i 24 anni utilizzerà uno smartphone per gli acquisti (Sprout Social, 2015)

SEO

marketingtrends_blogimage

  1. Il 55% dei marketers B2B concorda nell’affermare che il SEM (Search Engine Marketing) è il più efficiente metodo a pagamento per promuovere e distribuire contenuti (Content Marketing Institute, 2015).
  2. Il SEO e i Social Media sono ritenuti come le tattiche di marketing digitale più difficili da eseguire; entrambe richiedono tempo, risorse con competenze specifiche e non sono sempre disponibili in-house (Ascend2, 2016).
  3. Il 66% degli addetti marketing B2B afferma che il SEM è la tattica di marketing più utilizzata tra le compagnie B2B (Content Marketing Institute, 2015).

Social Media Marketing

linkedin-2-e1396953552653-670x415

  1. Il 93% delle organizzazioni utilizza i social media come tattica di marketing principale (Content Marketing Institute, 2015).
  2. Il 94% dei marketers B2B utilizza LinkedIn per distribuire contenuti (Content Marketing Institute, 2015).
  3. Il 66% delle aziende afferma che LinkedIn è una delle piattaforma di social media più efficaci (Content Marketing Institute, 2015).

Content Marketing

marketing-trends4

  1. Il 64% dei marketers B2B più esperti afferma che il content marketing è efficace per il proprio business (Content Marketing Institute, 2015).
  2. Solamente il 32% degli addetti al marketing B2B ha una documentazione della propria strategia di content marketing (Content Marketing Institute, 2015).
  3. Il 76% dei marketers produrrà più contenuti nel 2016 rispetto al 2015 (Content Marketing Institute, 2015). Se vuoi essere in prima linea e giocare da protagonista, non farti trovare impreparato davanti ai tuoi competitors. La giusta strategia e la tattica più efficace possono fare la differenza, scopri come!

Video marketing

mobile-video-marketing

  1. Il 60% dei marketers utilizzerà i video nel 2016, con un aumento anno per anno del 20% (ALF Insight, 2016).
  2. Nel 2017 oltre il 74% del traffico online sarà costituito dai video (Usabilla, 2015).
  3. Gli utenti che guardano un video sono 1.81 volte più propensi ad acquistare rispetto a coloro che non guardano video (Adobe, 2015).
Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
itemeditorimage_55919cf957c19

La situazione dell’email marketing nel B2B

Quanti di voi avrebbero scommesso sulla progressiva scomparsa dell’email marketing dopo l’arrivo dei social network e dei sistemi di messaggistica istantanea come Whatsapp o Telegram? Probabilmente, fino a 4 anni fa praticamente tutti.

I trend più recenti sembrano sfatare questo mito, anzi: pare proprio che l’email marketing abbia sfruttato questa fase di stallo per rimodularsi ed evolversi. I social e le nuove tecnologie non hanno cambiato né snaturato le email, anzi hanno permesso a queste ultime di integrare le strategie più efficaci nate con i social e diventare così uno strumento inedito.

Se con la rapidità, la precisione e l’adattabilità dei social le email sembravano lente, macchinose e monolitiche ora stanno diventando sempre più originali, diverse, specifiche grazie ad accorgimenti come i servizi di automazione, design ancora più ricercati, layout responsive, contenuti immersivi e sapiente utilizzo dello storytelling.

Italia: com’è la situazione?

MailUp ha condotto una ricerca nella quale ha monitorato 13 miliardi di invii in 28 diversi settori merceologici in tutto il 2015, tenendo conto di 3 tipologie di invii: le mail newsletter, le DEM (contenuti pubblicitari) e le mail transazionali (quelle automatiche in risposta a un’azione del cliente). Il quadro che ne viene fuori è davvero sorprendente: sembra infatti che l’email marketing goda di ottima salute, nonostante le cupe previsioni che molti di noi facevano anni fa!

Email-Marketing-List

Messaggi e target

Nel 2015, il 74% delle mail sono state inviate a target B2C, mentre solamente il 6% delle mail è stata indirizzata ad un target B2B. Il rimanente 20% è stato inviato a un database misto. Lato contenuti, le newsletter hanno costituito il 56% degli invii, le mail DEM il 42% mentre le mail transazionali hanno costituito solamente l’1%.

Tecnologie di invio

Il primo dato che salta all’occhio, rispetto al precedente report sull’anno 2013, è il numero di mail non recapitate: una diminuzione del 84,5%. Questo dato incredibile è dovuto sia al fatto che le aziende sono più attente alla cura del database sia al fatto che le tecnologie di invio e ricezione sono migliorate notevolmente. Ad aumentare è anche il tasso di apertura delle mail e dei click, con un incremento rispettivamente pari a +35.5% e +12.3%. Anche le condivisioni sui social network sono aumentate, con un incremento del +123% (se ci fate caso molte mail integrano i pulsanti per la condivisione social).

news-530220_1280

Newsletter: ottimi risultati per il B2B

I dati sono molto più favorevoli per il B2B, con un tasso di apertura delle mail del 26% contro il 13% delle mail B2C. Tra le varie tipologie di email inviate, le newsletter sono quelle che annoverano il tasso di apertura più elevato.

Dalla ricerca emerge che le mail con il tasso di apertura più elevato sono quelle inviate dalle associazioni e dalle organizzazioni politiche (53.8%), seguite da quelle della grande distribuzione e quelle del settore finanziario (tassi di apertura intorno al 50%).

Seguono le mail di newsletter del settore fiere ed eventi (33.4%), quelle inerenti ai viaggi e ai trasporti (24.2%), quelle di marketing e pubblicità (19.3%) ed infine le mail sul turismo e sugli hotel (18.3%).

Contenuti pubblicitari

Per quanto riguarda i contenuti pubblicitari, le maggiori aperture delle mail si ritrovano nei messaggi del settore moda e abbigliamento (59.3%), seguite da fiere ed eventi (48.8%), trasporti e viaggi (21.9%), turismo e hotel (19.4%) ed infine marketing e pubblicità (12.3%). Da notare però come il settore delle fiere ed eventi sia allo stesso tempo quello con il maggior numero di mail non consegnate (17%), che secondo MailUp sono da imputare all’utilizzo di elementi spesso valutati come spam (offerte, molte immagini, poco testo).

Quale strategia adotti per fare email marketing?

Spesso vengono offerti servizi e applicazioni che promettono la luna ma ti restituiscono una manciata di stelle.

Ricorda sempre: la migliore strategia marketing è quella più completa e inclusiva e l’email marketing è solamente una parte di essa.

Se vuoi sapere di più sui nostri sistemi di marketing, visita la pagina dedicata!

email-marketing

L’operazione “Email + Marketing” non equivale a spam. Ecco perché.

Ti è mai successo di aspettare una mail importante e ritrovarti sommerso da messaggi indesiderati?

Quando pensiamo allo spam, spesso lo identifichiamo con qualcosa di fastidioso e invadente, dimenticandoci che anch’esso può essere una fonte preziosa di marketing per quei beni e servizi che non possono essere fruiti attraverso i convenzionali canali di comunicazione.

Per capire se quello che stiamo facendo sia marketing o spam è necessario delineare meglio i confini di questi due ambiti per chiarirne i rispettivi contesti operativi.
Prendendo come riferimento la definizione del concetto di Marketing dall’omonimo libro di Peter, Donnelly e Pratesi, leggiamo che “Un gruppo di attività programmate, organizzate, controllate che partono dallo studio del consumatore e, in generale, della domanda e della concorrenza, e, attuandosi in forma integrata, sono volte al conseguimento degli obiettivi aziendali di medio-lungo termine attraverso la ‘soddisfazione’ del cliente”.

Email_marketing_tips

Caratteristica fondamentale è dunque quella di riuscire a produrre un valore per il cliente, pertanto il marketing va inteso come promozione di un valore percepito mediante vantaggi concreti, aspettative soddisfatte, relazioni di fiducia e attendibilità.
Secondo le parole del  marketing operations manager di MailUp, Stefano Branduardi,  lo spam è invece  “il risultato di una strategia di email marketing pensata male. Profilare i contatti, assicurarsi di avere il consenso, segmentare gli invii, puntare alla rilevanza: tutte best practice per campagne di mailing che non finiscano in spam”.

Il digital marketing diventa spam nel momento in cui le informazioni che contiene non aggiungono alcun valore per l’utente, diventando così comunicazione monodirezionale.

In termini di quantità, il servizio di filtraggio di commenti spam su blog, Akismet,ha rilevato solo durante il 2014 oltre 90 miliardi di commenti spam con una media di 250 milioni al giorno.
Preoccupante è il rapporto tra commenti reali e spam che nel mese di dicembre ha registrato per 10 miliardi di commenti spam solo 156 milioni di commenti autentici.

guida-email-marketing

Creare una strategia di marketing efficace non è un lavoro semplice, per questo è fondamentale affidarsi a esperti come noi, che ti aiuteranno a trovare la soluzione più adatta ai tuoi bisogni!