Tag Archives: content marketing

content marketing l'ippogrifo

Content Marketing: ci sono differenze tra B2B e B2C?

Indipendentemente dal fatto che si stia parlando di B2B o B2C, la cosa fondamentale quando si fa Content Marketing è catturare l’attenzione dei potenziali clienti attraverso contenuti di interesse. E per ottenere buoni risultati non può mancare la componente social.

Quello che differenzia i due ambiti sono le strategie con cui i contenuti si costruiscono e si condividono.

Antonio Pastore
Ha studiato Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Bologna. Ha conseguito un Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa. Appassionato di Marketing, Comunicazione e Scrittura Creativa.
errori content marketing ippogrifo

7 terribili errori che puoi fare nel content marketing

Il 93% dei marketer B2B utilizza il Content Marketing.

Solamente il 42% lo ritiene efficace.

Perché?

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
Content marketing b2b

Non hai ancora investito nel content marketing B2B? Adesso è il momento giusto per farlo!

Anno nuovo vita nuova, e per questo 2017 si prevedono grandi cambiamenti. Non vorrai fossilizzarti in un marketing B2B vecchio e obsoleto? Scopri se hai tutte le carte in regola.

Elisa Kiraz
Ha studiato Italianistica presso l’Università degli studi di Trieste.
Appassionata di Content Marketing e comunicazione, si tiene sempre informata sui nuovi trend del settore.
content-marketing-2017-online

Content Marketing sempre in salita nel B2B

Quando sentiamo parlare di Content Marketing pensiamo immediatamente ai contenuti testuali, ai blog, ai post e a tutti quei prodotti che sono testo. La realtà è che dietro ad una semplice stesura di un testo c’è tutto un mondo fatto di strategie, studi, sperimentazioni e tattiche create in modo da rendere più efficace possibile quel testo. È proprio quando si ignora questo “contorno” che si tende a reputare poco efficace il Content Marketing nel B2B.

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
digital-marketing-agency

7 utenti su 10 reputano il content marketing decisivo in fase d’acquisto

Nell’ambito del business to business sono molti i vantaggi dell’attività di Content Marketing, dall’aumento della brand awareness al maggiore coinvolgimento del target, fino ad arrivare alla generazione di nuovi clienti (lead).

Andrea Marson
Ha studiato Economia, Commercio Internazionale e Mercati Finanziari presso l’Università degli studi di Trieste.
Appassionato di marketing e comunicazione, segue con curiosità le ultime novità economiche.
segment-of-one-cover

Per colpire i tuoi clienti hai solo 8 secondi… Scopri come usarli al meglio!

Secondo una ricerca, a causa della mobile revolution la curva media dell’attenzione è diminuita da 12 a 8 secondi nel 2015.

Ecco perché diventa sempre più difficile per le aziende riuscire a catturare l’attenzione dei potenziali clienti nel grande oceano del web; gli utenti sono sempre più preparati e alla ricerca di nuove e specifiche informazioni e per farsi notare diventa allora fondamentale produrre contenuti originali e stuzzicanti e creare una community online per un rapporto costante con i clienti. Secondo Marketing Think, l’81% di chi decide in un’azienda B2B utilizza le community online e i blog per prendere le proprie decisioni d’acquisto!

In una società in cui la condivisione e il confronto con altri membri pare uno dei modi preferiti dagli utenti per comunicare, i marketer devono improntare la loro strategia sulle persone e non sui prodotti, coinvolgendole e facendo conoscere e apprezzare il loro brand.

Come splendere allora in questo universo digitale? Ecco alcune “regolette” che possono aiutarti:

marketing-expert

CERCA LA COMMUNITY GIUSTA

Questi gruppi online sono composti da persone che come tali vengono spinte dalle loro emozioni. È importante trovare una community allineata con la tua visione e i tuoi valori, in cui potrai avere un feedback da parte degli utenti per controllare se la strada che stai percorrendo è quella giusta o è necessario apportare qualche modifica. Se i clienti si identificano con i tuoi valori e non solamente con i tuoi prodotti significa che hanno instaurato un rapporto e considerato che l’80% dei potenziali lead in ambito B2B visitano siti non aziendali, blog e forum prima di decidere, forse la community può diventare uno strumento utile al tuo business.

THE CORRECT CONTENT IN THE RIGHT CONTEXT

Sembra uno scioglilingua ma in realtà è ciò che bisogna tenere a mente per diventare una fonte attendibile e interessante nel tuo settore. Come ricordiamo spesso è fondamentale dedicare tempo per creare contenuti interessanti per il tuo target, di qualità e originali: stai sempre al passo con le ultime tendenze, proponi interventi degli esperti, insomma utilizza tutto ciò che serve per conquistare la fiducia dei tuoi lettori, differenziali a seconda del target di riferimento e trova il “luogo virtuale” adatto in cui condividerli.

SCEGLI IL FORMAT E I SOCIAL PIÙ ADATTI

Non basta la sostanza, ma serve anche la forma corretta; spesso il rendimento di un ottimo contenuto può venir rovinato da un format sbagliato! Quali sono i format più utilizzati per cercare informazioni? Secondo il report di DemanGen al primo posto con l’83% ci sono i white paper, seguiti dai case study e dai webinar. I più condivisi con i colleghi sono invece i blog post e le infografiche. La parola chiave è personalizzazione: identificato il target occupati di trovare il canale più adatto per comunicare con i lead e realizza un contenuto su misura per ogni specifico social media.

main-image

INTERAGISCI CON LA TUA AUDIENCE

Definisci cosa fa la tua azienda e quali sono i tuoi obiettivi nella tua community online. Grazie a questo strumento si creerà un rapporto diretto, coinvolgente e a lungo termine col cliente, dove la comunicazione diventa più facile e coerente e la relazione cliente-azienda diventa di tipo bilaterale.

Vuoi confonderti nella massa o spiccare e diventare la “mucca viola” di Seth Godin in una mandria bianca e nera? Noi possiamo aiutarti a rendere il tuo business diverso e migliore!

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
img_1003-1920x622

4 consigli per non fare il solito marketing B2B

Una settimana fa si è tenuto a Boston il B2B Marketing Forum, un evento di quattro giorni a cui hanno partecipato i maggiori esperti di marketing B2B per aggiornarsi sulle ultime novità in ambito di content strategy.

Ecco allora qualche dritta dai primi 4 degli 8 speaker che sono intervenuti e che potrebbe essere utile per il tuo business B2B:

Sii creativo!

Il consiglio di Ann Hadley, Direttore del settore content di Marketing Profs, è di utilizzare la tua creatività: per una strategia di marketing efficace la tecnologia è sicuramente una parte fondamentale, ma l’unione fra i dati raccolti e il l’intuito sarà la chiave per il successo del tuo business.

Sfrutta i trend

Andrew Davis (fondatore dell’agenzia Monumental Shift) suggerisce di cercare di ideare informazioni effimere ma durature. Per contenuti adatti ad ogni momento, che abbiano quindi un alto grado di condivisione sui social, utilizza Google Trends che mostra in tempo reale le tendenze giornaliere e gli argomenti più in voga.

shutterstock_254765905

Pensa al cliente, sempre!

Jon Miller (CEO di Engagio) si focalizza su un approccio account-based, cioè incentra la sua strategia sul cliente: bisogna identificare il target di riferimento dell’azienda e creare campagne di content marketing ad hoc per i prospect. È fondamentale creare contenuti utili e personalizzati come post, case history aziendali,video che stimolino la curiosità dell’audience od offrano la soluzione a un loro problema, per arrivare alla brand awareness e alla differenziazione dai competitor.

È il momento di Snapchat!

Carlos Gil (Capo del reparto di social media marketing di BMC software) dimostra invece perché dovresti inserire Snapchat nella tua strategia di marketing. Vanta 200 milioni di utenti e 10 miliardi di video ed è utilizzato dal 41% dei soggetti fra i 18 e i 34 anni, ogni giorno. Come le aziende B2B possono sfruttare questo social media? Utilizzando geofiltri negli eventi organizzati, mostrando le testimonianze dei dipendenti o costruendo un employer branding per i prossimi potenziali collaboratori.

Queste sono solo metà delle regole d’oro condivise dagli esperti, se volete scoprire cos’altro hanno proposto dovrete aspettare il prossimo post, ma nel frattempo che ne dite di chiedere qualche dritta a chi il marketing lo vive ogni giorno?

Francesca Zia
Ha studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Trieste. Appassionata di marketing e di economia, segue con attenzione le ultime tendenze in fatto di comunicazione
inbound-marketing-agency-in-hampshire2

Non rincorrere i tuoi clienti, fatti trovare!

Le aziende B2B oggi hanno a disposizione molti strumenti per far conoscere il loro brand, ma molte di loro non conoscono l’importanza dell’inbound marketing (per conoscere la sua reale efficacia nel B2B clicca qui).

È ormai l’essenza del marketing moderno e si occupa di far nascere l’interesse dei potenziali clienti per la propria azienda grazie alla creazione di contenuti utili, interessanti e di qualità.

Grazie a questa strategia il processo d’acquisto cambia radicalmente: nel marketing tradizionale il cliente subiva passivamente gli annunci pubblicitari alla radio, in TV o sui giornali, mentre con l’inbound marketing l’obiettivo è quello di fidelizzare il cliente offrendogli un’ottima conoscenza del brand.

Si cerca di stimolare i prospect con pagine ottimizzate, contenuti e call to action coinvolgenti per acquisire informazioni sui clienti, targettizzare e stabilire un’azione di lead generation.

Vediamo allora alcuni dei vantaggi offerti dall’inbound marketing:

È più economico del marketing tradizionale

I cartelloni e gli annunci pubblicitari sono decisamente più costosi, la creazione di contenuti utili, le tecniche di SEO e l’email marketing sono tecniche perfette per l’era digitale e monitorabili con il calcolo del ROI (conosci la nostra formula ROI Garantito®?), evitando così gli sprechi

Sfrutta i contenuti e genera nuovi clienti

Il consiglio è: scrivi regolarmente! Infatti l’82% delle aziende che si dedicano ogni giorno al proprio blog hanno avuto un riscontro più che positivo in termine di nuovi clienti.

Il tuo successo si basa sul blog

Il blog aziendale è uno strumento importante per raggiungere i potenziali clienti: gli articoli che scrivete devono tenere conto che in genere nel B2B il pubblico è altamente qualificato, è quindi importante offrire informazioni approfondite e che aumentino la brand awareness.

Acquisire il lead tramite i contenuti

La fidelizzazione del cliente passa attraverso il content marketing, facendogli conoscere l’azienda e mantenendo alta la sua attenzione fino al momento dell’acquisto

Email marketing

Impostare una newsletter può essere molto utile per la vostra strategia inbound, grazie al basso costo e agli ottimi risultati.

SEO friendly

slide-01

Il 73% delle persone che usano i motori di ricerca non clicca oltre la prima pagina di risultati, di conseguenza dovete controllare che il vostro sito sia veloce, responsive e in una buona posizione grazie proprio alla rilevanza dei contenuti.

L’inbound marketing è una strategia in linea con i  nuovi mezzi di comunicazione, noi possiamo aiutarti a creare contenuti utili per far conoscere la tua azienda e trasformare i vostri clienti in promotori del vostro marchio!

Francesca Zia
Ha studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Trieste. Appassionata di marketing e di economia, segue con attenzione le ultime tendenze in fatto di comunicazione