Una buona struttura del sito per una buona SEO

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

I motori di ricerca sono ancora i piloti di traffico più importanti per i siti internet, ed è per questo che la SEO (Search Engine Optimization) ricopre un ruolo fondamentale.

Spesso la  SEO viene considerata un banale insieme di trucchi tecnici volti a favorire il posizionamento di un sito piuttosto che un altro, ma come vedremo fra poco non è sempre così.

Vediamo come creare una buona struttura del sito.

Nello sviluppo di un nuovo sito, o nella ristrutturazione di uno già esistente è raccomandabile delineare la sua struttura dividendo le pagine e sezioni desiderate con un sistema ad “albero” come in figura 1, utilizzando dei semplici programmi come Visio o anche Excel.

fig 1

Come si può vedere, in questo caso la struttura è sbilanciata, in quanto la sezione Code costituisce più della metà del nostro sito. Una buona struttura invece dovrebbe essere configurata come una sorta di “piramide”, rispecchiando un certo equilibrio sia nelle varie sezioni che nei rispettivi contenuti.

E’ preferibile pertanto avere tra le 2 e le 7 sezioni principali, a seconda della “pesantezza” dei contenuti, e nessuna di queste deve essere grande più del doppio rispetto alle altre sezioni.

Inoltre è fondamentale prestare attenzione a sezioni come “About me”, “Progetti” e “Siti web”, indispensabili per identificare al meglio l’identità e finalità del sito.

Da alcune statistiche è emerso che oltre il 30%  del traffico su un sito dipende dalle pagine di WordPress, ovvero tutte le pagine interattive, come in questo caso la sezione Blog.

Il vantaggio di utilizzare uno strumento come Visio permette di organizzare abbastanza facilmente i contenuti e di pianificare con efficacia e chiarezza le linee guide da seguire, come evidente nella fig 2.

fig 2

Come si può notare, la sezione Blog è stata spostata nella  Homepage.
Certe  pagine sono diventate sezioni e  quindi spostate ad un livello “più alto” nello schema della struttura, mentre altre ancora sono sembrate superflue e quindi eliminate.

Una volta soddisfatti della struttura del sito, è utile dare un’occhiata anche ai nomi che abbiamo scelto per le sezioni. È necessario assicurarsi che i nomi di queste utilizzino le parole chiave; questo per favorire verso il nostro sito gli utenti della rete che cercano notizie su determinati contenuti, digitando nei vari motori di ricerca le parole chiave di interesse.

E’ possibile fare un po’ di ricerca sulle parole chiave, utilizzando alcuni strumenti liberamente disponibili come :

Una volta ottenuta la sospirata “Piramide”,  dobbiamo riflettere su come collegare tutte le varie sezioni e relativi contenuti. Ogni sezione andrebbe configurata come una piccola “piramide nella piramide” principale, in quanto ogni pagina in cima ad essa dovrebbe collegare a tutte le sue sotto-pagine e viceversa.

I collegamenti di pagine correlate fra loro comporta un aumento del ranking del sito, in quanto “aiuta” il motore di ricerca, mostrando cosa è collegato ad un determinato argomento e cosa non lo è.

Una volta creata la struttura del nuovo sito si può procedere a creare gli URL. Ogni URL dovrebbe descrivere il contenuto di quella pagina nel modo più breve possibile, utilizzando le parole chiave più importanti.

Elenchiamo alcune linee guida per l’implementazione dell’URL:

  • Se stai usando più parole, separale con i trattini.
  • Scrivere URL più semplici possibili
  • Sconsigliata la presenza di numeri, sono difficili da ricordare
  • Creare URL facili da ricordare per favorirne il passaparola
  • Rendere i contenuti disponibili sotto un unico e solo URL

Concludendo, una buona struttura è un requisito indispensabile per la SEO; una ricerca più facile e veloce dei contenuti desiderati rappresenta un’importante vantaggio competitivo. Una struttura categorizzata e la presenza di link riferiti ad argomenti attinenti all’interno delle pagine sono elementi imprescindibili per i criteri di ricerca della SEO.

Inoltre, utilizzando gli URL per le pagine  in maniera efficace, si incrementa la possibilità che la gente li ricordi e soprattutto aumenta fortemente il rank nei motori di ricerca.

3 Responses to Una buona struttura del sito per una buona SEO

  1. pako scrive:

    Ottimo articolo grazie!

  2. […] rilevante è la struttura del sito (http://www.marketing-ippogrifo.com/struttura-sito-se/), che se predisposta correttamente permettere al motore di ricerca di eseguire un’efficace […]

  3. […] rilevante è la struttura del sito (http://www.marketing-ippogrifo.com/struttura-sito-se/), che se predisposta correttamente permettere al motore di ricerca di eseguire un’efficace […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *