Strategie di marketing avanzate: il cross marketing

Fotolia_47263696_XS_0
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Facciamo una considerazione: il termine “cross” è molto utilizzato nel calcio. Cosa significa? In poche parole, si tratta di un passaggio del pallone che taglia letteralmente una parte del campo da gioco, passando su altri giocatori e arrivando agli attaccanti.

Bene, passando al marketing la metafora è presto fatta: come il pallone supera gran parte del campo coinvolgendo diversi ruoli e spazi, così una campagna di cross marketing coinvolgerà il maggior numero di attori, piattaforme, canali e clienti raggiungendo così diversi target.

Non si tratta soltanto di utilizzare diversi metodi di comunicazione quali blog, advertising online e offline, social, direct marketing e spot, ma di far convergere una stessa campagna a diversi clienti.

01.-Infographic

Facciamo un esempio.

Immaginiamo di dover gestire la comunicazione di un hotel situato in una famosa località alpina. Per gestire al meglio la campagna e ottenere dei risultati è necessario realizzare un piano marketing, analizzare il mercato e studiare i competitor. Successivamente sarà possibile individuare il target ideale e i canali e i servizi da utilizzare per raggiungerlo.

Una volta realizzata quest’analisi, ci accorgiamo che un nostro cliente possiede un piccolo negozio di abbigliamento sportivo poco lontano dalla nostra struttura alberghiera. In questo caso, possiamo valutare la possibilità di creare un piano di comunicazione specifico per questo cliente, creando una collaborazione dal punto di vista comunicativo. Potremmo ampliare, così, il nostro target di riferimento e la notorietà.

È qui che scatta la scintilla: come il pallone coinvolge la difesa, l’ala e l’attacco, così la campagna coinvolge l’hotel, il target comune (ovvero i turisti) e il negozio. Molto più che “prendere due piccioni con una fava”! In questo modo possiamo aumentare esponenzialmente il numero ipotetico di nuovi clienti (lead) sia di una realtà sia dell’altra, utilizzando gli stessi canali, le stesse modalità e lo stesso target per un mix tanto semplice quanto efficace.

Da qui, il passo verso il viral marketing è breve – anzi, è quasi spontaneo. Una campagna di questo genere, se studiata nei minimi dettagli e messa in pratica con controllo e precisione, può assicurare risultati inaspettati rispetto ad una campagna di marketing tradizionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *