Proteggi il tuo marchio sui social media: 6 consigli

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

social-media-landscape_social-media-marketing

Non tutto ciò che luccica è oro. Ci sono molti modi in cui i social media, direttamente o indirettamente, possono danneggiare un marchio e discussioni su questo tenore, in rete, se ne trovano a bizzeffe, anche  delle semplici risposte negative possono far saltare una strategia di marketing pianificata per giorni. Più raro è leggere delle potenzialità di difesa e protezione che i mezzi di comunicazione sociali hanno. Ecco alcune idee su come potreste muovervi sui social media per proteggere la vostra impresa:

1. Registrare nome dominio e nome utente. Tra le tecniche di protezione del marchio più efficaci c’è la creazione di spazi sicuri, inattaccabili e inutilizzabili da altri senza il vostro consenso. Nel mondo dei mezzi di comunicazione sociale, in cui sembra che un nuovo sito compaia quasi ogni giorno, come si può gestire al meglio il vostro marchio non solo sulle reti sociali evidenti o su siti popolari come Facebook e Twitter, ma anche su siti neonati che potrebbero diventare grandi tra un paio d’anni? Anzitutto utilizzando servizi come NameChk o Knowem, che consentono di verificare la disponibilità della username e registrarsi su più siti. Questo non significa che sarà necessario frequentarli tutti, ma già avere un nome dominio e un nome utente sicuri in diversi spazi Internet è un bel passo avanti.

2. Monitorare le discussioni: prevenire è meglio che curare. Non è una novità che i social media siano un ottimo strumento per monitorare le conversazioni che contano per il vostro marchio. Sempre più aziende grandi e piccole si stanno rendendo conto che seguire le conversazioni online in tempo reale attraverso strumenti come Twitter o software come Radian6 è possibile anticipare i problemi o risolverli in tempo utile.

3. Verificare le copie non autorizzate. La facilità con cui si possono tagliare e incollare le informazioni altrove, a qualsiasi fine, costituisce una grande minaccia apparentemente impossibile da tenere sotto controllo vista la vastità del web. Strumenti come Tynt, invece, possono aiutarti a individuare il contenuto che viene riutilizzato senza autorizzazione. Una volta scoperti gli abusi, non scaraventatevi addosso a tutti coloro che li commettono, ma valutate se davvero l’azione vi sta danneggiando.

4. Avere un proprio spazio per rispondere. La miglior difesa è l’attacco: spesso, quando si tratta di rispondere ad attacchi o negatività nei mezzi di comunicazione sociale, il modo migliore per reagire è proprio attraverso i siti di social media. Un comunicato stampa non sarà mai in grado di contrastare un post su blog. Una presenza assidua ed efficace sui social media vi permetterà di contrastare il concorrente che stia tentando di insidiarvi sullo stesso terreno di gioco.

5. Registrarsi come marchio. Sempre più social media (Facebook e Twitter su tutti) stanno permettendo alle marche leader di passare attraverso una sorta di processo di convalida, al fine di dimostrare che i loro conti sono “ufficiali”. E’ un modo per auto-testificare la propria attività come reale ed ufficiale. Non sottovalutatelo: avere la fiducia dei clienti è fondamentale.

6. Individuare e sostenere i vostri più grandi fan. Attraverso siti come Ning i clienti possono creare comunità online che si riferiscono al vostro marchio. Perché non offrire a questi utenti alcuni strumenti per gestirle al meglio? Ciò vi permetterà di controllare puntualmente il vostro seguito ed essere coinvolti direttamente nella pubblicizzazione della vostra impresa e nel reclutamento di nuovi sostenitori.

One Response to Proteggi il tuo marchio sui social media: 6 consigli

  1. Marco Roma scrive:

    I social media stanno diventando importantissimi e al “voce del popolo” si sta facendo sempre più forte! Con l’accesso a qualsiasi tipo di informazione e commento i social network stanno guidando le le aziende e i brand. Si parla pure della possibilità che la “social popularity” possa essere un nuovo parametro per il PR dei siti…in un panorama come questo è importantissimo gestire e proteggere il nostro marchio dai social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *