Sovraccarico nei Social Media: ci aiutano i CMS

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Per promuovere la loro attività, i responsabili di marketing si sono affrettati ad abbracciare Facebook, Twitter, blog ,recensioni clienti ed altri mezzi di comunicazione sociale, invitando i consumatori a commentare i loro prodotti e servizi attraverso queste piattaforme.

Ma ora che i marketer hanno tutte queste attività in atto, si trovano di fronte ad un’inaspettata conseguenza: il sovraccarico di contenuti.

Gestire il flusso dei contenuti user-generated (UGC) è difficile e molte imprese si sentono sopraffatte. Non è semplice trovare delle modalità pratiche per partecipare come brand marketer alle conversazioni con i clienti sulle piattaforme sociali ed integrare i vari feedback dei consumatori in grandi programmi di marketing.

La buona notizia è che i sistemi di gestione dei contenuti (CMS) sono a disposizione del marketing e consentono non solo di gestire la distribuzione e la collocazione dei contenuti on-line sul brand, ma anche di analizzare e sfruttare i contenuti per le attività aziendali.
Tali strumenti consentono di guidare sia i marchi reattivi (user-generated) sia quelli proattiviti (advertiser-created).

Ma cerchiamo di capire meglio cosa possono offrire gli strumenti CMS.

Il vero vantaggio degli strumenti CMS è la velocità che apportano alla programmazione, al flusso di lavoro e alla pubblicazione di contenuti sui social media, ma consentono anche di raccogliere e ricavare dati di reporting e analisi.
In più offrono un sistema centralizzato, una piattaforma all-in-one a cui possono accedere tutte le persone coinvolte nel lavoro sui social media.
Alcune piattaforme offrono anche funzionalità di workflow sofisticate, permettendo ai membri del team di gestire la collaborazione per la creazione di contenuti.

I CMS sono ancora in fase embrionale, ma alcuni di essi si sono già distinti dal gruppo. Per ora i leader tra i CMS sono i seguenti:

1. ObjectiveMarketer
Agevola la gestione di messaggi, l’analisi e la programmazione delle attività su più canali e la creazione delle pagine di destinazione personalizzate.

2. BuddyMedia
Aiuta a gestire le campagne pubblicitarie sui social media e a coordinare i contenuti su più piattaforme, inoltre fornisce l’analisi dei dati in tempo reale.

3. Vitrue
Offre una suite di applicazioni che permettono di gestire meglio i brands, moderare, pianificare e pubblicare su Facebook e Twitter. Inoltre fornisce strumenti di reporting e analisi dei dati.
Viture ha anche raccolto una quantità ingente di stampa on-line grazie ai suoi fan di Facebbok e Twitter.

4. Ripple6
Aiuta le aziende a implementare le strategie di business nei social media, offre software di content management e approfondimenti in tempo reale, tutto in un unico hub sociale.

5. Spredfast:
Agevola la gestione e la pianificazione delle campagne sui social media grazie a un dashboard software su più reti sociali, tra cui Facebook, Twitter, YouTube e Flickr e sulle varie piattaforme di blogging.
Inoltre raccoglie dati per aiutare a misurare le varie attività.

6.TubeMogul
Consente di caricare e distribuire video da siti come Vlmeo, Crackle, Revver Dailymotion, YouTube e inoltre semplifica enormemente il compiti di monitorare i dati, le valutazioni e altre importanti statistiche che non sono immagazzinabili ed esportabili.

7. CoTweet
E’ il leader del workflow Twitter. Esso consente al team di gestire facilmente gli account di Twitter, agevolando ad esempio le assegnazioni tweet, le note, la programmazione e lo stato del servizio.

8.HootSuite
E’ un altro strumento publishing di testo che consente al team di gestire più account e offre numerose funzionalità, come la possibilità di assegnare e pianificare i tweets. HootSuitte offre anche funzioni di analisi dei dati e attraverso i grafici mostra ad esempio la trazione di tweets. Funziona su vari social network, tra cui Facebook, WordPress e Linkedln.

Questi sono solo alcuni accenni delle loro funzionalità, ora sta a voi scavare un po’ più in profondità attraverso delle ricerche e valutare quale strumento potrebbe essere il migliore per la gestione della vostra presenza sui social network.

E voi, ne utilizzate già qualcuno? Come vi trovate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *