Shopping sulle banchine del metrò: ultima frontiera dell’acquisto virtuale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Vi piacerebbe fare la spesa aspettando la metropolitana?

In Corea del Sud è possibile. Questo grazie alla creatività di una catena di supermercati del luogo che utilizza le funzionalità degli smartphone per aggiungere un nuovo capitolo all’esperienza d’acquisto.

L’iniziativa nasce dall’esigenza moderna di comprare generi alimentari in tempi ridotti e si concretizza nelle fermate della metropolitana attraverso delle installazioni che simulano i tradizionali supermercati.
L’acquisto diventa così possibile in quei momenti della giornata che solitamente consideriamo “tempo perso”, in modo che i minuti d’attesa, che normalmente trascorriamo leggendo un libro o semplicemente fermi a contemplare il cartellone pubblicitario davanti a noi, diventino utili a soddisfare le esigenze quotidiane del frigorifero familiare.

Tesco, la catena di supermercati ideatrice del progetto, è venuta incontro a questo bisogno contemporaneo e così facendo ha registrato in breve tempo 10.000 nuovi clienti e un incremento delle vendite del 130%.

Questi dati ci fanno pensare all’importanza dell’iniziativa, che porta con sé una vera e propria rivoluzione nel modo di fare la spesa e che dimostra ancora una volta che una campagna di marketing per essere efficace deve saper cogliere le esigenze della gente.

Basti pensare alla comodità d’acquistare semplicemente attraverso il proprio smartphone prima di rientrare dal lavoro e di trovare direttamente le borse della spesa recapitate a casa.
Giusto il tempo del tragitto per usufruire dei prodotti acquistati virtualmente.

L’idea della compagnia, un tempo n. 2 del Paese nel settore del commerio al dettaglio di beni alimentari, oltre ad assecondare i bisogni di milioni di lavoratori alle prese ogni giorno con il problema della spesa, ha inoltre consentito di aumentare i punti vendita della catena, che ora è al vertice del mercato.

Certo lo shopping sulle banchine rende più facile perdere il treno; non siete d’accordo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *