Blogging Aziendale: un vantaggio anche per la Piccola Impresa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Molte piccole imprese sono riluttanti all’idea di aprire un blog aziendale, per vari motivi: poco tempo da dedicarvi, poca utilità per il business aziendale o semplicemente mancanza di competenze in questo ambito ( Che cos’è un blog? ).
La realtà è che se un’azienda fornisce prodotti e servizi unici, dovrebbe possedere un blog e provvedere a mantenerlo aggiornato, nel caso non esistesse già questa attività, potrebbe essere una buona idea iniziare al più presto.
Naturalmente, il rendimento complessivo degli investimenti su un blog può variare da azienda a azienda, ma i benefici per il business, perseguibili con il blogging aziendale, non sono da sottovalutare:

  • Guadagno di visibilità

Pubblicare ogni pensiero sul blog è una dimostrazione di leadership, si trasmettono l’integrità personale, l’umorismo e le intuizioni professionali. Ad esempio, una sintesi delle recenti tendenze nel vostro settore, o una reazione ad un articolo di notizie recenti, possono essere estremamente efficaci come post per il blog.

  • Coinvolgere i clienti in un dialogo

Questo si concretizza dando la possibilità ai lettori di commentare ogni articolo. Le persone che lasciano un commento sul blog lo possono fare per muovere critiche o sostenere le vostre opinioni. Ad ogni modo, in entrambi i casi, è importante stimolare il dialogo, i commenti generano commenti così nascono discussioni interessanti con clienti e partner, che si possono trasformare  in opportunità di vendita.

  • Ogni articolo sul blog è un’occasione SEO

La tanto discussa “coda lunga” della ricerca si riferisce al personale altamente specializzato, i termini di ricerca a basso traffico rappresentano una notevole quantità di ricerche totali. Molte persone sono alla ricerca online per molte cose casuali. Non si può realisticamente ottimizzare il sito per ogni coda di ricerca a lungo termine, ma si può certamente scrivere dei post con precise parole chiave traendone prospettive altamente qualificate. Non è possibile nemmeno stabilire il volume di traffico naturale di ricerca, ma c’è una buona probabilità che il blog sia in grado ben presto di rispondere positivamente alle ricerche delle parole chiave ed i visitatori potranno essere molto interessati a tale reazione.

Pochi siti web o blogger si collegheranno pagine di “prodotti e servizi” su altri siti aziendali. Le persone non linkano pubblicità aziendali. D’altra parte, un articolo di un buon blog è una visione nel settore specifico o una critica di pensiero. Gli articoli del blog raccolgono link perché sono interessanti, informativi e non eccessivamente aziendali o di vendita mirata. Il vantaggio è che più collegamenti sono il mezzo migliore per il posizionamento sui motori di ricerca, così da ottenere una maggiore quantità di traffico sul sito, che si traduce in un aumento dei leads.

  • Umanizzare il brand

Il blog offre l’opportunità, per le società, di presentare la loro parte confidenziale; tramite una conversazione informale trasmette una visione dell’azienda meno “antisettica”. I blog possono umanizzare il brand.

  • Contenuto fresco = Migliore sito web

Google esegue frequentemente scansione dei siti web alla ricerca di contenuti nuovi e aggiornati; in generale, è positivo che Google esegua spesso tali letture del vostro sito. I siti che vengono sottoposti a scansione più spesso hanno frequenti aggiornamenti e maggiore autorità. L’attività di blogging assicura costantemente la presenza di nuovi contenuti nel tuo sito.

Un blog è meglio di una email o di una lettera cartacea, perché i lettori possono partecipare al dibattito e rispondere quando vengono “invitati all’azione”. Essi saranno in grado di navigare nel blog per leggere i vecchi articoli, che altrimenti si troverebbero in una email eliminata, o in una lettera dispersa in qualche cartone. Ogni articolo del blog che sarà postato, fornirà benefici duraturi; si tratta di una pagina web che può essere ottimizzata, indicizzata.
Inoltre, i blog sono in grado di supportare più autori, in modo da avere più di uno scrittore nel postare articoli. Un altro punto importante riguarda proprio i post: un buon post potrebbe semplicemente tracciare un parallelo tra due o tre articoli recenti, o suggerire una spiegazione a un particolare fenomeno industriale, tecnologico e così via. Un buon articolo non deve essere una tesi di dottorato.

Ad alcuni professionisti non piace l’idea del blogging, perché significa cedere controllo di alcuni elementi del brand aziendale. Un blog è meno formale di un comunicato stampa o un messaggio marketing ufficiale e i commenti lasciati dai lettori non possono essere previsti. Nel mondo di oggi, i consumatori hanno acceso migliaia di opinioni sui brand e migliaia di articoli, commenti, recensioni di prodotti, che sicuramente avranno determinato un certo impatto nelle decisioni d’acquisto. La verità è l’opzione migliore per coinvolgere i clienti in un onesto dialogo aperto; la trasparenza è la migliore politica ed i clienti premieranno il vostro candore.

2 Responses to Blogging Aziendale: un vantaggio anche per la Piccola Impresa

  1. Rimango spesso stupito sulle difficoltà nell’avviare un blog aziendale. In fondo si tratta di ASCOLTARE e RACCONTARSI. 😉

  2. Simone Simone scrive:

    Eh per molti, Alessandro, è un problema Ascoltare… preferiscono raccontare quello che vogliono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *