Second Life o Second Hype? Un’analisi business

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

virtual_world_slminiaturaL’esposizione mediatica del mondo virtuale della Linden sembra aver raggiunto il suo picco massimo. E adesso? Molte cose sono cambiate velocemente, dalla tecnologia ai nuovi servizi implementati, dalle dimensioni del mondo virtuale al numero dei residenti, dalla proliferazione delle start-up all’attenzione dei media e dei brand reali. I residenti hanno raggiunto quota 10 milioni, non sono più solamente americani (la seconda grande comunità è quella tedesca, seguita da quella francese), l’economia interna è sempre più florida (scambi per oltre un milione e mezzo di dollari al giorno), il numero delle persone che all’interno di Second Life riescono a guadagnare uno stipendio mensile tra i 500 e i 5000 dollari americani al mese è più che triplicato negli ultimi sei mesi e la lista degli avatar milionari si è allungata. Il grado di crescita del Prodotto Interno Lordo di Second Life è paragonabile a quello della Cina (come ama ripetere Philip Rosedale) e il governo americano da mesi ha cominciato a studiare un sistema di tassazione delle economie virtuali (non c’è soggetto pubblico più lungimirante e geniale del fisco…).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *