Se non è un Iphone? L’ultimo spot di Apple punta tutto sulle app.

apple-amazing-apps-spot
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Se non è un iPhone, non è un iPhone”: questo lo slogan promosso da Apple per pubblicizzare l’ultimo modello creato dalla casa di Cupertino. Come a dire, sostanzialmente: niente è come iPhone. Anche questa volta l’azienda ha caricato lo spot su YouTube e ha deciso di chiamarlo Amazing Apps; il modello sei infatti è interamente dedicato alle nuove applicazioni disponibili e mette in risalto un’offerta molto variegata e composita: App Store infatti conta attualmente oltre 1,5 milioni di app.

Dopo il focus sul matrimonio perfetto tra software e hardware, nonché un simpatico excursus sulla soddisfazione degli utenti, la “mela morsicata” scommette sulla quantità più che sulla qualità e soprattutto sugli elementi di differenziazione dai competitor.

Linguaggio giovane e smart, immagini veloci e incisive, messaggio rapido, sintetico e ironico. L’inquadratura si apre infatti su un iPhone 6 posizionato su sfondo bianco che rapidamente si moltiplica in centinaia di esemplari disposti in cerchio, ognuno pronto a mostrare un’app diversa sul proprio schermo: giochi, software per l’istruzione, app pensate per la pratica medica, fotografia e tantissimo altro: come giustamente sottolinea AppleInsider, si tratta di un caleidoscopio esaustivo di tutto ciò che un iPhone può fare grazie all’oceano di applicazioni che mette a disposizione dell’utente.

Quello che conta è che Apple sta aprendo la strada per una nuova modalità comunicativa, meno legata al discorso emozionale e più orientata ai fatti. D’altronde l’azienda ha sempre puntato su un mood estremamente assertivo, efficace e chiaro nel messaggio. Tutto torna dunque: se è un iPhone ci sono poche cosa da dire. E se non è un iPhone? Beh, allora, che telefono è?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *