Ristrutturare un intero quartiere a Londra? Con IKEA si può

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Cosa vi viene in mente quando sentite la parola IKEA?

Certamente le più divertenti ore dei week end trascorse a curiosare tra cucine, camerette e prodotti per la casa; o la serie di eccentrici nomi annotati con precisione mentre si legge il nuovo catalogo; ma anche lo stupore nell’apprendere che il marchio svedese cura la campagna più efficace di social media advertising sui social network.

Bene, a tutto ciò possiamo aggiungere che da oggi, IKEA sarà presente come quartiere residenziale nel cuore di Londra. Il colosso svedese, infatti, è stato scelto come appaltatore per la ristrutturazione di un intero quartiere della città britannica.

Lo Strand East (questo il nome del quartiere) conterà nientemeno che 1200 stabili tra case ed appartamenti a misura di famiglia. Ammobiliati esclusivamente con soluzioni IKEA, gli edifici verranno interamente affittati, anche secondo diverse fasce di reddito.

All’interno del quartiere verrà proibita la circolazione delle automobili e messa a punto una linea di bus; in quest’ottica ecologista verrà realizzato anche un ospedale.

Due corsi d’acqua circonderanno l’area dove ci saranno ormeggi per vaporetti, taxi sull’acqua e bar galleggianti; insomma, un piccolo giardino dell’Eden ispirato anche a Venezia.

Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti, l’immondizia verrà rimossa dalle case grazie a dei tunnel sotterranei e una centrale idroelettrica provvederà all’energia della nuova comunità.

Ci saranno anche piccoli uffici e botteghe al fine di creare ambienti familiari e amichevoli; no quindi a store dei più famosi brand.

Per quanto riguarda il profitto di questa strategia di ambient marketing, IKEA ha previsto di poter rientrare dai costi in circa 20 anni. Per il momento si diverte anche ad arredare le stazioni della metropolitana a Miami, New York, Tokio e Parigi.

Avete cominciato a fare le valigie?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *