Respect the ramps: guerrilla marketing per una buona causa

Respect The Ramps Campaign
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Immaginate di aver parcheggiato la vostra auto, più o meno consapevolmente, su un posto per disabili o in prossimità di un piano inclinato. Ora prendete una rampa in legno, degli atleti in carrozzella e una videocamera: mescolate il tutto ed avrete una delle più riuscite campagne di guerrilla marketing  mai riuscite. Vi starete chiedendo quale famosissima agenzia o studio l’abbia ideata? Ebbene resterete stupiti. Si tratta della campagna che ha coinvolto una scuola guida di Buenos Aires, la Driver’s school in Argentina  e il canale YouTube Boom! in Brasile. Le campagne, rispettivamente “The ramp lesson” e “Vaga para deficiente” (“posto per disabili” in portoghese) hanno fatto il giro del mondo e sono diventate virali in pochissimo tempo nei rispettivi Paesi.

Argentina – State attenti, perchè se lascerete la vostra auto parcheggiata davanti alle rampe per disabili, potreste trovarla poco dopo come impalcatura di una vera e propria rampa da lancio per acrobati in carrozzina! E non è finita qui: per far imparare la lezione una volta per tutte all’ignaro proprietario, il tutto viene filmato e postato online. Sulla vettura viene infine lasciato un adesivo con un QR-code grazie al quale sarà possibile vedere il video.  La Driver’s school ha dichiarato che grazie a “The ramp lesson” fino ad oggi 120 persone hanno imparato la lezione.

Brasile – Qui l’iniziativa ha preso una piega differente: se all’inizio i trasgressori venivano “avvertiti” con un disegno stilizzato (una sedia a rotelle disegnata con una bomboletta spray sul cofano e sul lunotto posteriore), ora la tecnica è quella di ricoprire completamente di post-it azzurri la vettura incriminata. Di certo è un modo molto teatrale di far notare l’infrazione, non c’è dubbio!

I risultati non si sono fatti attendere: la campagna brasiliana “The ramp lesson”, complici forse le acrobazie degli atleti su sedia a rotelle, ha avuto oltre 6 milioni di visualizzazioni mentre l’idea dei post-it ha ottenuto circa 180.000 like.

https://youtu.be/hVuLIH5aNaM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *