Redesign del proprio sito? Ecco quando è opportuno pensarci

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Le domande ed i dubbi che ruotano intorno al restyling del proprio sito web sono innumerevoli:  “Quando va fatto?”, “Come va fatto?”, “Quali errori bisogna evitare?”.

È Carol Ortenberg, direttamente dalle pagine di Hubspot, che prova a darci una risposta:

“Una cosa su cui tutti i nostri collaboratori concordano, è che prima di imbucarsi in un tunnel di cui non si vede la fine, cercando di fare un redesign del proprio sito, è essenziale capire a fondo il proprio obiettivo e i propri clienti.

Senza questi passi necessari, infatti, si rischia seriamente di andare a sprecare soldi ridisegnando il proprio sito “a vuoto”.
Ecco alcune semplici domande che tutti dovrebbero porsi prima di cambiare anche un solo pixel della propria pagina:

QUALI SONO I MIEI OBIETTIVI?

È fondamentale portare il proprio sito web alle luci della ribalta, certo. Ma il nodo cruciale è: cosa si vuole OTTENERE con quel sito? Si sta cercando di attirare nuovi clienti? Di proporre un servizio ai clienti abituali? O più semplicemente di portare una ventata di freschezza all’immagine dell’azienda?

COS’È CHE VA GIÀ BENE NEL MIO SITO?

Prima di intraprendere una qualsivoglia forma di redesign, un’impresa deve accuratamente annotare quali “keyword” portano ad avere un maggior numero di visitatori, a quali pagine questi visitatori accedono maggiormente e quante e quali pagine hanno link a queste pagine.

Senza trascurare il fondamentale aspetto di CHI è stuzzicato dal sito e DA COSA è attratto.

LO STO FACENDO PER UNA CAUSA UTILE?

Alle volte la scelta di un restyling viene presa per le ragioni più sbagliate.
In primis c’è la classica frase: “Il redesign è parte integrante di un nuovo management.”
Capita spesso di vedere aziende per cui il redesign non ha una ragione chiara, e soprattutto utile, di avviarsi.

Troppo spesso le imprese guardano dalla parte sbagliata (ovvero al loro interno) per trovare una risposta (un nuovo manager, un nuovo logo, una riorganizzazione, o molto più banalmente il vecchio design non piace più).

Si nota come, alle volte, le aziende strutturino il proprio sito in maniera da rispondere alle LORO esigenze, senza analizzare più a fondo le loro necessità.

QUINDI, QUALI SONO LE RISPOSTE “GIUSTE”?

Questa domanda finale è in definitiva una domanda-trabocchetto. Non c’è una risposta universale a questo interrogativo: ogni impresa ha motivazioni e obiettivi diversi per quello che concerne il redisegn.

Tuttavia, prendetevi un po’ di tempo prima di iniziare, giusto per essere sicuri di investire il vostro denaro ed il vostro tempo in maniera oculata.

Per assicurarsi che state realmente lavorando per adempiere alle necessità e agli obiettivi della vostra azienda, chiedetevi se un redesign è strettamente necessario, e cosa volete portare a termine con esso.

One Response to Redesign del proprio sito? Ecco quando è opportuno pensarci

  1. […] Avevamo già parlato in precedenza di ciò su cui è necessario riflettere prima di pensare al redesign del vostro sito. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *