Quanti contatti aprono le vostre email?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

E’ cominciata un’altra settimana e vi state apprestando a inviare la vostra consueta newsletter.

Se siete nuovi del mestiere probabilmente vi starete chiedendo se siete sulla strada giusta o meno, se l’email è abbastanza accattivante, o se qualcuno la aprirà e cosa ne penserà.

Eccoci allora all’argomento open rate, la frequenza con la quale vengono aperte le vostre mail di marketing, la percentuale di mail lette su quelle totali.

Secondo launchbit.com l’open rate ottimale sarebbe sul 20% del totale, qualunque dato oltre il 20% dovrebbe farvi saltare sulla sedia dalla soddisfazione.

In un primo momento, all’inizio della vostra avventura con l’email marketing, quando cominciate a far girare i vostri contenuti di qualità tra i vostri abbonati, l’open rate sarà abbastanza alto, ma non illudetevi. Col passare del tempo comincerà a scendere sempre di più.

Ecco perché è importante tenere in considerazione dei fattori vitali per il successo delle vostre campagne attuate attraverso le newsletter.

Cominciamo parlando della base abbonati. Non preoccupatevi se il numero degli abbonati non cresce esponenzialmente, è normale che cresca linearmente dell’1-2% (sempre secondo launchbit.com), a meno che non siate di quei furbetti che ricorrono a soluzioni a pagamento per aumentare i subscribers, e quindi riuscire ad arrivare ad una crescita del 10% o più. L’impennata naturale può esserci, ma di solito dura per un breve periodo, ad esempio dopo che un opinion leader o una società rilevante per il vostro target promuove la newsletter.

Se comunque continuate ad avere una base di abbonati ristretta (anche minore di 2000 contatti), non preoccupatevi, non ci sarebbe nessun collegamento diretto tra l’avere un cospicuo numero di abbonati e avere un open rate soddisfacente. Basta prendere sul serio gli utenti a cui interessiamo.

Un consiglio per far crescere la propria lista di abbonati alla newsletter è quello di implementare un pop over per l’iscrizione, al posto del solito annuncio posto lateralmente: i dati mostrano un incremento nelle sottoscrizioni anche del 250-300% in più utilizzando questa tecnica.

Se constatate che meno del 10% della vostra lista di contatti non apre la newsletter, allora dovreste correre ai ripari. E’ probabile che le vostre mail stiano finendo nella casella di spam. Questo può dipendere dalle parole che avete inserito nel soggetto della mail o nel corpo del testo (ad esempio parole come gratis e simili, frasi completamente in maiuscolo, poco testo nella mail), che segnaleranno la vostra mail ai filtri dei provider di posta elettronica come spammers.

Quando passiamo ad un open rate tra il 10 e il 20% possiamo seguire delle strategie per incrementare questo dato. Ad esempio ripulire a lista dei contatti. Utile sarebbe cancellare quei contatti che non aprono una nostra mail da mesi, cercando di concentrarsi sui rimanenti abbonati fedeli. Si può anche eliminarli dalla mailing list temporaneamente, per poi reintrodurli quando dobbiamo diffondere un messaggio importante, diverso dai soliti aggiornamenti quotidiani o mensili.

Un altra strategia è quella di modificare il contenuto della mail: dall’oggetto al corpo, passando per gli elementi visuali. Usare un’articolazione diversa del discorso, provare dei caratteri speciali, domandare, essere vaghi sono tutti espedienti per aumentare il coinvolgimento dell’utente e quindi avere una possibilità in più che la mail venga aperta. Anche il giorno e l’orario di invio andrebbero considerati in una prospettiva di cambiamento.

Fornire contenuti visuali, come ben sappiamo, aiuterà tantissimo il nostro compito. Launchbit.com parla di aumento del traffico del 108% e del 102% per quanto riguarda le condivisioni implementando la newsletter con immagini d’impatto. Le immagini, insieme ad un ridotto apporto di testo e link prominenti, che saltano all’occhio ci aiuteranno a incrementare il click-through rate e quindi la possibilità di conversioni.

Com’è la vostra newsletter?

 

2 Responses to Quanti contatti aprono le vostre email?

  1. ciao, avete dei dati anche sul click throught ottimale?

    Grazie, Massimiliano

  2. Ciao Massimiliano, la ricerca non dava riferimenti sul CTR, vedremo di cercare qualche dato in merito per integrare il post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *