Quando la bici fa bene al cuore

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Ogni anno a Toronto si svolge la competizione ciclistica a scopo benefico “Becel Ride for Heart” promossa dalla “Heart and Stroke Foundation of Canada” per la raccolta di fondi essenziali per supportare programmi di ricerca sui disturbi cardiovascolari, ma anche corsi educativi e di prevenzione e sostegno ai malati.

Dal 1987, data della prima edizione, questa competizione è cresciuta in modo esponenziale, basti pensare al fatto che nel 2011 Heart Foundation ha battuto ogni record raccogliendo quasi 4 milioni di dollari. Non è da escludere la possibilità che quest’anno i numeri possano crescere ancora, il percorso del primo giugno tracciato lungo la “Gardiner Expressway” e la “Don Valley Parkway” in totale ospiterà quasi 13.000 ciclisti.

Quest’anno l’agenzia pubblicitaria agency59 ha voluto stravolgere quello che in realtà a dirlo sembra un ossimoro, collegando il concetto di malattia a quello di salute. Come? Da una sedia a rotelle ha voluto creare un’originale bicicletta perfettamente funzionante e da quest’operazione è nata l’idea per la realizzazione di uno spot meraviglioso.

Il video si apre con un uomo che porta una sedia a rotelle nel suo garage, per poi mettersi subito al lavoro. Lo vediamo smontare e rimontare pezzi mentre le ore e i giorni passano, finché una volta completata l’opera, esce in sella alla nuova bici appena terminata. A questo punto, mentre stiamo ancora guardando la bicicletta e le strane ruote che tradiscono il suo passato, sullo schermo leggiamo il motto della campagna e della corsa “From hospital to health” e poco dopo l’hashtag #createsurvivors.

È un video semplice, ma sa colpire forte “al cuore” inducendo lo spettatore a una riflessione. L’uomo dopo la guarigione ha la possibilità di pedalare e dare speranza ad altre persone, così come i partecipanti di “Ride for Harth”.

 

Andrea Marson
Ha studiato Economia, Commercio Internazionale e Mercati Finanziari presso l’Università degli studi di Trieste.
Appassionato di marketing e comunicazione, segue con curiosità le ultime novità economiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *