Trascurare la SEO? Decisamente una mossa sbagliata!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

È sempre stato difficile, per gli esperti SEO,  far capire alla gente quanto sia importante un buon ranking per una specifica keyword, e quanto questo giovi ad un business.

Molte persone ancora non comprendono che una buona parte della SEO consiste nell’ottimizzare il proprio sito, non solo per avere un buon ranking, ma anche per avere maggiori probabilità di convertire le visite sul sito in clienti paganti.

L’idea fondamentale della SEO è capire il linguaggio del proprio cliente, per poter puntare sulle keyword da lui usate.

Un esempio pratico:

Prendiamo un sito inventato. Mettiamo il caso che voi siate i proprietari di “http://www.anniversarygifts.com/”, un sito specializzato in regali di compleanno.

Lo scorso mese (agosto 2010), ci sono state 201.000 ricerche per “anniversary gifts” negli USA, (dati da Google Keyword research tool).

È generalmente riconosciuto nel settore che piazzarsi al primo posto nelle liste di ricerca garantisce di attirare una percentuale tra il 35% e il 45% di persone che hanno usato quelle keyword.

Per le pagine al secondo posto la percentuale oscilla tra il 5% e il 10% complessivamente.

Se il vostro sito si classificasse primo nelle ricerche di “Anniversary Gifts”, anche la percentuale più bassa di utenza (35%) vi garantirebbe qualcosa come 70.350 visitatori al mese.

Lasciando da parte per un momento la parte “acquisto”, si tratta qui di avere 70.350 persone che vedono il vostro sito, leggono dei vostri prodotti, scoprono qualcosa sul vostro brand, e si rendono conto della vostra esistenza.

Se il vostro sito è a misura di cliente (cosa che è parte integrante della SEO), l’utenza rimarrà piacevolmente colpita, ne parlerà con gli amici, e tornerà sul vostro sito per il prossimo regalo di compleanno.

Questa è solamente una delle dozzine di keyword a cui potreste puntare, ma è sicuramente la migliore.

Un sito ben ottimizzato può portarvi a ottenere circa il 10% dell’utenza da keyword, e circa il 5% di quelli che arriveranno a comprare.

Calcolando al ribasso quindi, diciamo che avreste 704 persone che comprano sul vostro negozio online ogni mese. (Non saprei voi, ma io ci terrei davvero a creare un sito di questo tipo!)

La parte migliore di tutta la storia è il fatto che tutti quelli che cercano quelle determinate keyword stanno anche cercando il tipo di servizio che voi offrite: le persone che cercano “anniversary gifts” su Google, molto probabilmente stanno cercando di trovare il tipo di articoli che voi proponete.

Vediamo un po’ quale sarebbe la differenza a seconda del vostro ranking:

Tabella ranking-guadagno

Il grafico vi mostra quanto state perdendo per il solo fatto di non essere in prima posizione.

E quel che è peggio, quello che perdete è anche quello che la concorrenza guadagna.

Quest’altro grafico mostra quanto grande sia la variazione, considerando il minimo cambiamento di posizione:

Grafico ranking-guadagno effettivo-guadagno mancato

È tempo che la gente impari che avere un sito web ormai non è di per sé un vantaggio enorme.

Al giorno d’oggi, quando si mette in piedi un business, un sito web è uno standard minimo, che molto spesso, oltretutto, è usato in maniera scorretta, e quindi non porta i benefici aspettati.

La SEO segue lo stesso cammino. Per il momento, essa è uno strumento che porta un vantaggio decisivo ad una compagnia.
È un modo molto efficace di individuare il proprio mercato potenziale, e la maggior parte della concorrenza non si avvale di questo espediente.

C’è da credere che tra non molto tempo, ogni impresa userà la SEO: diventerà una necessità, qualcosa di cui il marketing non potrà fare a meno.

Non vorreste cavalcare l’onda invece di rimanere nelle retrovie? So che per me la prima opzione non sarebbe negoziabile.

Ognuno vede differenti aspetti positivi sul proprio business grazie alla SEO: i vostri quali sono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *