Utenti over 45? Più esperti di quanto si pensi!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Quando si leggono rapporti sull’uso di internet, smartphone e della tecnologia in generale, si è spesso portati a credere che queste siano “cose da giovani”.

Come messo in mostra da un recente articolo di AdAge, definire i tratti di un utente dall’età avanzata è probabilmente una tappa di importanza capitale per capire quanto in effetti essi siano accessibili e avvezzi all’uso del web.

“Marilynn Mobley ha un pc in ufficio, un laptop a casa, un netbook da viaggio, uno smartphone Android e la scorsa settimana ha comprato un iPad. Si guarda i suoi programmi preferiti grazie ai DVR e le piace godersi qualche buon film in Blu-ray quando è a casa.
Marylinn ha anche 63 anni.

La signora Mobley è uno dei consiglieri strategici nel Boomer Insight Generation Group.

Il fatto che le persone di una certa età non apprezzino e non usino la tecnologia è di fatto una leggenda metropolitana bella e buona. Rappresentano infatti il 25% della popolazione, ma spendono circa il 40% del totale in questo settore.”, rivela Patricia McDonough, analista VP alla Nielsen Co.”

Se si ci si occupa di marketing, queste cifre sono decisamente interessanti. Si nota spesso infatti come i rapporti e le analisi sulle abitudini tecnologiche degli over 45 siano decisamente fatti in maniera ridicola, senza tener conto di fattori importanti.

Concentriamoci su un fatto primario: con “over 45” noi possiamo riferirci benissimo ad un nato nel 1946 come ad uno nato nel 1964. Stiamo parlando di diciotto (diciotto!!!) anni di differenza, che certo non sono bruscolini se guardiamo al rapporto con la tecnologia.

Ecco un grafico esplicativo, targato Forrester:
Rapporto forrester sull'uso del web in base alle fasce d'età
Si può notare come tante persone appartenenti alla Boomer generation, come si direbbe all’estero, hanno un esperienza pari, se non superiore, a tante altra persone molto più giovani di loro.

Per questo, includere queste persone nel calderone imprecisato delle “persone di una certa età” pare proprio essere un colossale errore, almeno per i marketer.

Vediamo un po’ in che punto le cifre astratte incontrato la realtà nuda e cruda. Chi spende maggiormente nel settore della tecnologia? I Boomer.
Magari perché hanno più soldi da spendere, ma il fatto resta: spendono di più.

“Nei fatti, la spesa media nel settore della tecnologia è uno dei campi in cui i Boomer sono di gran lunga in vantaggio sui giovani.

La fascia d’età tra i 46 e i 64 anni spende attualmente più denaro in tecnologia che ogni altra fascia d’età, secondo il rapporto di Forrester Research.
Questo include tasse, spese per accessori e altre componenti, e le vendite online.
Ognuna di queste persone spende in media 650$ a trimestre nello shopping online contro i 581$ della generazione X e i 429$ della generazione Y.

Onestamente parlando, ci sono un sacco di informazioni nell’articolo AdAge che meritano almeno un’occhiata da parte dei marketer. Se non doveste avere tempo, ecco qua un breve riassunto: non si possono assolutamente mettere tutti i Baby Boomer sullo stesso piano in termini di consumo, bisogna spezzettare questa categoria in tanti sottogruppi, più realistici.
Diciamo le cose come stanno, se qualcuno pensasse di poter catalogare una varietà di persone che vanno dai 46 ai 64 anni di età, potrebbe venir definito in una sola inequivocabile maniera: stupido.

Le variazioni sono innumerevoli. Al giorno d’oggi, bisogna sforzarsi di andare oltre a queste cose, e cercare di non cadere nella trappola dell’implicazione immediata che vede un’età implicare necessariamente un certo tipo di comportamento.

Quindi, siate molto accorti nel modo in cui trattate gli over 45, specialmente online. Se non li prendete sul serio e li lasciate perdere, siate almeno coscienti che lo fate a vostro rischio e pericolo.

E voi? Come procedete di solito? Usate comunque le fasce di età per catalogare l’utenza? Se sì, in che modo? Fateci sapere come la pensate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *