Campagna di SEO mirate: strumento vitale!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Ormai pochi nel panorama del web marketing sono all’oscuro degli indubbi vantaggi che può portare una campagna SEO fatta come si deve. E sempre più persone in diversi ambiti (politica, lobby, volontariato) se ne servono per dare più visibilità alle proprie iniziative, anche fuori dall’ambito dell’advertising.

Spesso capita di cadere in tentazione, e applicare strategie universali a ogni tipo di campagna: dopotutto il traffico web è traffico web, non c’è molto da capire.

Il problema è che molto spesso le campagne con obiettivi specifici non funzionano allo stesso modo che una campagna “tradizionale”.
Il più delle volte, infatti, portano a conversioni di tipo particolare, ovvero cambiano le idee delle persone.

Ovviamente questa è una cosa difficile da misurare e controllare: come si può pretendere di quantificare fisicamente quante persone cambiano idea?

Ma ci sono buone notizie: sempre più persone si rivolgono alla rete per avere informazioni in base a cui agire, e sempre più spesso l’informazione più persuasiva è quella al rank numero 1.

Ma vediamo di entrare più specificatamente nel merito: chi si serve di campagne SEO mirate?

Principalmente:

  • Politici e politicanti. Non è un mistero: le campagne online non servono solo ai grandi nomi. Anche  i politici di livello provinciale e regionale possono trarne grande vantaggio, ma bisogna agire su più fronti. Per esempio combinando un’oculata gestione della propria reputazione online (per esempio controllando cosa compare fra i risultati di ricerca se si cerca il nome di un particolare candidato sul web) e SEO di tipo tradizionale (trovando parole-chiave cercate dagli elettori indecisi, e proponendo contenuti adeguati da porre nei ranking per loro).
  • Organizzazioni e lobby. Chi possiede il rank numero uno per “porto d’armi”? I gruppi interessanti all’advocacy sono spesso disposti a pagare fior di quattrini per avere contenuti in buona posizione
  • Associazioni di volontariato e carità. Molte organizzazioni hanno un messaggio da diffondere, sia esso sociale, religioso o di altro tipo. Oltre a questo, le associazioni usano il web per pubblicizzare le loro opere e richiedere donazioni da parte dei cittadini, per aiutarli a continuare le loro battaglie.

E dopo il chi, si tende a domandarsi il perché, ovvero le ragioni e i vantaggi alla base di questo tipo di operazioni. Eccone tre:

  • La SEO può fornire risultati eccezionali in termini di veicolazione di un messaggio. Spesso le campagne tendono anche a creare un forte collegamento tra due termini per rafforzarne il messaggio, come ad esempio “spese governative” e “deficit”.
  • Certo essa comporta un bel po’ di fatica, ma la SEO ha la capacità di prendere un termine che non provoca di per sé una risposta emotiva forte, metterla in ben specificati risultati di ricerca e darle una potenza semantica molto pronunciata.
  • La SEO è il complemento e l’alleato perfetto alle tradizionali operazioni di promozione, come ad esempio le mail e il contatto diretto. Combinare le due parti al meglio servirà a moltiplicare la potenza del messaggio.

E voi che ne pensate? Avete qualche esperienza in merito?

One Response to Campagna di SEO mirate: strumento vitale!

  1. […] già un nuovo giorno, ed è tempo di riprendere il nostro discorso. Vi avevamo lasciato ieri, infatti, con qualche semplice osservazione sull’utilità incontrovertibile delle campagne SEO […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *