Non solo sexting

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Evan Spiegel, uno studente di Stanford, due anni fa crea una app per scambiarsi foto, insieme al suo collega Bobby Murphy. L’idea è stata accolta freddamente e non si sarebbe mai pensato che Snapchat potesse arrivare a valere 800 milioni di dollari, e che fosse tra le app più scaricate del momento.

Snapchat permette di scattare foto o brevi video e mandarli immediatamente a un proprio contatto. Prima di mandare la foto si imposta il tempo di durata, da 1 a 10 secondi massimi, dopo di che la foto o il video si autodistrugge e sarà come se non fosse mai esistito. Un’applicazione baluardo della privacy e del “qui e ora”.

Snapchat sta facendo parlare di sé a causa del fenomeno “sexting” che spopola tra gli adolescenti. Fenomeno da sempre esistito che consiste nello scambiarsi foto a sfondo sessuale. Grazie a questa applicazione “profilattico” si evita quindi il rischio di umiliazione pubblica, dato che i contenuti si cancellano in un tempo davvero limitatissimo.

Ma ci sono altri modi per utilizzare Snapchat altrettanto soddisfacenti, per esempio nell’ ambito del marketing. Ma come può un brand utilizzare con successo questa applicazione? Ecco cinque pratici consigli:

  1. Gamification
    Gaming, giocare, e gratification, gratificazione. Il gamification è una strategia che le aziende adottano per creare interesse tra i propri clienti. Snapchat è perfetto per le cacce al tesoro basate su indizi che si autodistruggono e che i clienti devono interpretare o seguire per arrivare a un evento, uno sconto, una pagina social.
  2. Contest
    I concorsi tramite Snapchat sono un ottimo modo per raggiungere gli interessi dei clienti e ricevere rapidamente un feedback. Si articola tutto attraverso l’applicazione, mandando indovinelli che rimangono solo 5 secondi o parole da decifrare visibili per 2 secondi soltanto. Il vincitore sarà premiato con i prodotti dell’azienda o un coupon o con l’accesso ad aree esclusive.
  3. Sconti
    La catena americana di frozen yogurt 16 Handles è un perfetto esempio di come usare questo strumento. Il cliente manda a 16 Handles lo snap di se stesso mentre mangia un frozen yogurt. L’azienda risponde subito con uno snap contenete uno sconto che dovrà essere visualizzato dal commesso del negozio al momento di un nuovo acquisto.
  4. Dietro le quinte
    Perché non stuzzicare l’interesse dei propri clienti dando loro qualcosa di prezioso come una foto rubata dalle “quinte” dell’azienda? Attraverso degli snap è possibile l’accesso dei propri fan a dei contenuti speciali e soprattutto disponibili per un periodo limitatissimo di tempo. Il tutto allo scopo di farli sentire ancora più speciali e importanti.
  5. Eventi
    Incoraggiate i vostri contatti a mandare degli snap di foto o video durante un evento che state organizzando o di cui siete gli sponsor. In questo modo avrete un feedback effettivo sull’umore dei fan e potrete invogliarli a condividere questi momenti anche su altri social.

Qualche controindicazione.
Data la peculiarità di Snapchat di rendere disponibili le immagini solo per al massimo 10 secondi, risulta impossibile tenere traccia di tutti gli interventi di marketing o di registrare dei risultati tangibili.
Diventa importante in questo senso lavorare attivamente con il supporto di altri social network che invece permettono di tracciare l’attività di marketing, rimanere sempre aggiornati sulle novità dei social ed essere pronti a reagire velocemente.

Tuttavia è necessario notare che sono fioriti numerosi post e siti in cui viene spiegato dettagliatamente come salvare una foto di Snapchat senza che il mittente lo venga a sapere, perché di norma Snapchat avverte il mittente quando viene fatto uno screenshot della foto inviata.

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *