Nation Brander: scopriamo una nuova professione del marketing

3db7593
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Brand marketing: si tratta dell’insieme di strategie atte a valorizzare un determinato brand, creando un’immagine positiva e dando visibilità ai punti di forza della marca. Ma si può fare lo stesso con una nazione?

Sembra proprio di sì: dagli USA si comincia a sentire di una nuova figura professionale, a metà tra un ambasciatore, un marketer e un consulente. Una figura che in un’epoca in cui le contraffazioni e la diplomacy stanno diventando problematiche sempre più serie tra paesi si sta rendendo pian piano sempre più necessaria.

Stiamo parlando del Nation Brander. Ma di che cosa si tratta esattamente?

Nation = nazione, Brander = colui che si occupa di gestire e promuovere un brand. Si tratta dunque di un vero e proprio marketing manager di un’intera nazione.

In realtà non è una figura sconosciuta: basti pensare a tutte quelle campagne pubblicitarie turistiche che promuovono non una singola località ma un intero paese (ne sono state fatte anche in Italia). Il Nation Branding non è altro che questo concetto esteso per tutto ciò che concerne il paese, non soltanto per il turismo.

33d378d

Alcuni brand utilizzati dalle nazioni per la promozione turistica.

I compiti del Nation Branding

I problemi della contraffazione dei prodotti e della “public diplomacy” sono temi che stanno acquisendo sempre più importanza, soprattutto all’estero. Nel mondo anglosassone e in particolare negli USA, la “public diplomacy” è una disciplina molto diffusa il cui obiettivo è quello di influenzare la percezione che un paese ha di un altro paese. In questo caso il “Nation Branding” si occupa di gestire l’immagine e la reputazione di una nazione, facendo affidamento su una figura professionale specifica e altamente preparata, il “Nation Brander”.

Già, ma preparata su cosa?

Carmelo Cutuli, professionista del mondo della comunicazione e delle relazioni pubbliche che da anni si occupa della promozione del nostro paese all’estero definisce il Nation Brander come colui che è in possesso di tutte quelle tecniche che “possano permettergli un’agevole analisi in merito alla gestione del posizionamento, dei punti di forza e debolezza e dell’analisi dei risultati, per cui sicuramente una laurea in economia, comunicazione o marketing può costituire una base tecnica fondamentale”.

Si tratta quindi di una figura che in un mondo come quello di oggi vede il terreno migliore per svilupparsi e sfruttare tutte quelle competenze trasversali proprie di un Nation Brander come il marketing, l’economia, la comunicazione e i rapporti internazionali.

I campi di applicazione sono molteplici, si va dal supporto alle relazioni internazionali tra paesi alla consulenza alle aziende che vogliono portare avanti progetti di internazionalizzazione.

Ma la base del Nation Brander che verrà è sempre il marketing e tutte le sue sfaccettature, dalle tecniche di vendita alla corretta gestione del messaggio promozionale. Come capire dunque se la tua azienda può trarre vantaggio da uno di questi consulenti? Semplice, ti basta cliccare qui!

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *