Per quali aziende funziona il Social Media Marketing?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Le attività di marketing sui social media possono risultare d’ importanza strategica, anche dal punto di vista delle piccole aziende. Infatti recenti studi dimostrano che il 78% delle PMI svolge attività di social networking su twitter e il 75% su facebook, mentre il 31% possiede più di un profilo sui vari social network.
Per capire però se il social media marketing è adatto alle proprie esigenze è necessario porsi prima alcune domande, o meglio ancora verificare che alcuni assunti, come quelli citati qui http://www.mestierediscrivere.com/index.php/articolo/Tesi siano ben recepiti nell’organizzazione.
Tra le 95 tesi dell’articolo citato sopra riteniamo importante meditare sulle seguenti:

  • I mercati sono conversazioni.
  • Internet permette delle conversazioni tra esseri umani che erano semplicemente impossibili prima dell’avvento dei mass media.
  • Queste conversazioni in rete stanno facendo nascere nuove forme di organizzazione sociale e nuove forme di scambio della conoscenza.
  • Le aziende che non capiscono che i loro mercati sono oramai diventati una rete tra singoli individui, sempre più intelligenti e coinvolti, stanno perdendo la loro migliore occasione.
  • Non ci sono segreti. I mercati online conoscono i prodotti meglio delle aziende che li fanno e la qualità viene divulgata in brevissimo tempo.
  • I mercati online cominciano ad organizzarsi da soli molto più rapidamente delle aziende che tradizionalmente li rifornivano.

Se leggendo queste frasi non avete storto il naso e le riconoscete come tratti presenti nel vostro status aziendale potete dire di avere una buona predisposizione ad entrare nel nuovo mercato e nella società che esso ha contribuito a creare.
Non basta però predicare queste nozioni per ottenere dei risultati; bisogna attuare le giuste strategie, tenendo conto di alcune linee guida:

•    Le attività di social networking, se fatte bene, sono tutt’altro che “free”: il mito del social media gratuito cade immediatamente quando le cose si fanno serie. Richiede infatti investimento di tempo, energia e sforzi. Non è facile gestire la propria immagine attraverso un canale così personale, in cui l’esposizione (anche ad eventuali errori) è massima. Curare i legami con la clientela, ascoltandola (e aiutandola se necessario) richiede davvero un grosso sforzo.

•    Certo, il numero dei follower è importante, ma non è fondamentale. L’importante è sapere a chi si vuole arrivare, creare legami e approfondirli, a ciclo continuo.

•    Social networking non vuol dire necessariamente far conoscere la propria realtà e i servizi offerti alla clientela; per arrivare in maniera efficace al pubblico occorre presentarsi prima come persone, poi come azienda e successivamente concentrarsi sui propri clienti piuttosto che su se stessi.

Entrare in contatto con il social media marketing significa entrare in contatto con un mondo diverso, in cui non esiste una vera e propria posizione dominante e consumatori e aziende giocano sullo stesso piano attraverso dinamiche d’ interazione in continua evoluzione.

Voi che ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *