Marketing online, i tre step fondamentali

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Quest’oggi vi proponiamo tre consigli-chiave per avviare al meglio un percorso felice nel mondo del marketing. Oggigiorno un’azienda è destinata a morire se nessuno al suo interno ne cura la facciata multimediale, aggiornando il blog e lavorando assiduamente su Internet.

Nell’ottica della pubblicizzazione della propria attività, i proprietari di piccole imprese possono muoversi nelle seguenti direzioni:

*Temi mensili*: individuate quello che secondo voi può essere il leitmotiv nel mondo del marketing in un determinato periodo e approfonditelo per un mese intero.
*”Review” settimanali*: una volta che concepisci il marketing come un insieme di progetti da portare a termine, puoi spezzarli in una serie di segmenti o step da compiere uno dopo l’altro. La domanda è semplice: what needs to be done next?
*Appuntamenti quotidiani*: l’agenda può anche essere piena, ma la vostra azienda non può andare avanti se non vi occupate quotidianamente del marketing. E’ questo l’unico modo per mantenere l’obiettivo focalizzato sull’avanzamento e il progresso.

Avete altri utili consigli da dare?

3 Responses to Marketing online, i tre step fondamentali

  1. davide scrive:

    Ci aggiungerei la multimedialità… l’azienda si vede, si filma, si fotografa… un po’ come la famiglia… tenere aggiornata una bacheca visiva può aiutare a coinvolgere l’utente.

  2. Vedersi, filmarsi, fotografarsi, insomma aprirsi e mostrare le proprie evoluzioni nel tempo, credo che il concetto dietro a questo post possa essere riassunto così.

    Ma perchè fare questo sforzo? Per giustificare un radicale cambio di approccio alla comunicazione corporate sarebbe utile ri-definirne i principali obiettivi di attività web e social media marketing: caricare foto su Flickr, aprire un account YouTube o semplicemente aggiornare il proprio sito a chi/cosa dovrebbe servire?

  3. simone simone scrive:

    Esatto Daniela, sarebbe da (ri)definire i concetti per le quali l’utente o le aziende stesse ,dovrebbero investire il loro tempo nel web.
    Hai centrato ,a mio avviso, il vero problema: per molti investire nel social media marketing è una perdita di tempo, oltre che di denaro.
    Molti hanno fallito, perchè sono partiti con la concenzione vecchia del web e del marketing in generale : Il ROI
    Nei social devi metterti a “nudo”, non hai a disposizione tutte le cartucce del web marketing da sparare !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *