Responsabilità sociale d’impresa: uno studio ci illumina

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Certo non si può dire che la responsabilità sociale d’impresa sia un tema di cui si sente parlare ogni giorno. L’ultimo rapporto pubblicato lo scorso mercoledì da Weber Shandwick però, ci dà qualche spunto interessante.

Lo studio, realizzato lo scorso ottobre dalla Social Impact in collaborazione con la KPR Research, è stato eseguito su un campione di 216 dirigenti tra le 200 compagnie più importanti (secondo il magazine “Fortune”), impegnate in progetti filantropici o di interesse pubblico. Lo scopo primario era ben definito: capire quanto possano contare i social media e il crowdsourcing nell’ambito della CSR (Corporate Social Responsibility).

Se da una parte solo il 44% degli intervistati afferma di aver usato il crowdsourcing come metodo per dar vita a nuove idee e nuovi progetti, il 95% del campione rivela come esso si sia mostrato assai utile ai fini dell’organizzazione della propria CSR.

Se veniamo a parlare di social media, invece, i trend si invertono: sebbene il 72% del campione affermi di averli usati, solo il 59% dei dirigenti crede che essi abbiano realmente sortito un effetto positivo.
Tra i social media più apprezzati, non sorprende vedere Facebook farla da padrone (67%), ma le sorprese arrivano scorrendo la classifica: Twitter risulta infatti meno apprezzato di blog (60%) e di LinkedIn (58%).

In un precedente rapporto, la Social Impact e la KPR Research avevano evidenziato un’altra tendenza diffusa dei dirigenti: considerare la CSR come uno strumento utile soprattutto per questioni determinate e specifiche, piuttosto che come un modo per incidere su temi più business-oriented, come ad esempio la customer loyalty.
E questo è incoraggiante, se si considera che la CSR sta acquistando sempre maggior importanza per le grandi compagnie.

I risultati sono promettenti: i maggiori dirigenti considerano le organizzazioni no-profit come partner ideali, in quanto rendono gli investimenti in abito di CRS più efficaci, offrendo inoltre servizi e infrastrutture di importanza capitale per l’esito dei progetti.

Vi proponiamo qui di seguito le slide riassuntive della ricerca
, ovviamente, come sempre, la visione è consigliatissima!

Slide

One Response to Responsabilità sociale d’impresa: uno studio ci illumina

  1. […] consiglio è, ovvio, di leggere l’intero post e la relativa presentazione. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *