Lo spot di Twitter sfreccia in TV

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Twitter ha trasmesso domenica 10 giugno, il suo primo spot televisivo durante il seguitissimo campionato automobilistico statunitense NASCAR.

Nella clip è ripreso il pilota Brad Keselowski seduto all’interno della propria vettura da corsa mentre scatta una foto con l’iPhone. ‘Vedi ciò che vede’ è lo slogan con cui termina il video seguito dall’URL twitter.com#NASCAR.

L’accordo stipulato tra Twitter e il brand NASCAR mira ad incentivare i numerosi tifosi della competizione, generalmente poco esperti di nuove tecnologie, all’utilizzo del social network.

Con questo spot pubblicitario per la prima volta Twitter si rivolge alla TV per promuovere i propri servizi rivolti ai brand, ovvero le nuove pagine sponsorizzate dedicate ad un determinato hashtag e denominate hashtag page. Una sorta di corrispettivo delle fanpage di facebook.

Nelle brand page del social sono presenti sia i tweet delle aziende sia quelli dei fan, con il risultato di rendere più completa ed esauriente la narrazione degli eventi in tempo reale.
Nell’hashtag page di NASCAR i tifosi hanno potuto seguire le riprese televisive, le fotografie e le indiscrezioni degli addetti ai lavori e si sono sentiti emotivamente coinvolti nella competizione.

Gli utenti sono stati letteralmente conquistati da questa nuova iniziativa che ha permesso loro di seguire ogni singolo momento delle gara automobilistica.

Twitter sta lavorando parecchio per avviare nuove partnership con gli inserzionisti cercando di potenziare le proprie offerte pubblicitarie. Le nuove pagine permetteranno al social network di rimpinguare le proprie casse e ai brand di ottenere una fonte pubblicitaria valida.

Dopo l’esperienza NASCAR pensate che altri brand acquisteranno delle hashtag page di Twitter ?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>