La pubblicità sbarca anche su Youtube

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

libro_pubblicita_2.0

Spot 2.0: l’uso di youtube come mezzo pubblicitario. Pubblicato da Franco Angeli, è stato presentato il 16 giugno 2010 l’ultimo libro nato dalla fortunata collaborazione tra Marco Cherubini, studente laureato all’Università “la Sapienza” di Roma e Americo Bazzofia, docente di Tecniche della comunicazione pubblicitaria della stessa Università e coordinatore del corso di Web Multimediale e Nuovi media presso lo IED (Istituto Europeo di Design). Si tratta della pubblicazione della tesi di laurea dello studente, il progetto parte da un’analisi di Internet e del suo cambiamento e di come la pubblicità si sia adattata a questo nuovo ambiente.
Americo bazzofia, già noto per altre pubblicazioni (ricordiamo le più recenti “Nel segreto dell’urna Dio vi vede, Stalin no! – Storia della propaganda politica italiana”,“Oltre il sorriso di Obama”,“L’apprendista stregone della pubblicità. Lezioni di strategia e tecniche della comunicazione pubblicitaria”) ed esperto di studi sull’innovazione dei media e dei linguaggi ad essi applicati, propone questo libro che intende svelare i segreti della pubblicità fatta sul web 2.0, in particolare di quella veicolata su Youtube, che documenta, grazie anche ad un’esposizione di dati precisi, l’incisività della comunicazione in rete.

In pochi anni Internet ha intrapreso una crescita eccezionale, per le sue svariate utilizzazioni, dall’ambito lavorativo al semplice ascolto di brani musicali, è ormai entrato a far parte della nostra routine quotidiana. Non un semplice aumento di utenze, ma modifiche anche strutturali che vanno a toccare tutti i campi d’interesse e tra questi, anche la pubblicità.
Oggi per fare comunicazione non sono sufficienti solo broadcasting, o sistemi di trasmissione più ristretti come il narrowcasting; il consumatore è più maturo e consapevole di quello che vuole, non subisce come un tempo gli effetti del costante bersagliamento mediatico, si aggiorna continuamente sui prodotti tramite la rete e quindi una comunicazione non troppo indirizzata potrebbe risultare inefficace.
È invece necessario ricorrere a tecniche più orientate al coinvolgimento e soddisfazione dell’utente. Pointcasting, un modello di comunicazione one-to-one consente di orientarsi dalla parte del consumatore raggiungendo il massimo grado di collaborazione e partecipazione.

Ma come capire ed agire in questo nuovo mondo?

La nuova realtà così delineata è un potenziale pericolo per le aziende, ma si può trasformare in una grossa opportunità se sfruttata nel modo giusto. Per questo motivo, dalla piccola alla grande impresa, è necessaria la formazione di nuove figure professionali, più complete e costantemente aggiornate sulle possibilità offerte dalle nuove tecnologie, capaci di ottimizzare questi grandi canali offerti dal web.
Da questi principi prende vita il volume, che nella prima parte approfondisce la nascita e la diffusione del web 2.0, illustra le componenti strutturali, i mezzi e il ruolo dei consumatori. In seguito l’analisi ricade sulle nuove tecniche di marketing e advertising che sfruttano la pubblicità sul web 2.0 per promuovere servizi e prodotti.
Non un approssimativo testo teorico, ma un libro che spiega come la pubblicità stia cambiando con il web 2.0 e in particolare come essa possa essere diffusa su strumenti come Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *