L’ADDIO DI BILL GATES

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Al Consumer Electronics Show (Ces) di Las Vegas, il numero uno della
Microsoft ha conquistato il centro della scena, per l’ultima volta.
Poco più che cinquantenne Bill Gates, il co-fondatore della Microsoft,
passato quest’anno dal primo al secondo posto delle classifiche dei
Paperon de Paperoni mondiali, dietro al messicano Carlos Slim, ha già
annunciato che a luglio lascerà la guida della sua Microsoft per
dedicarsi alle attività filantropiche.
Per il pioniere del pc portatile e dei programmi software a pagamento,
un brillante futuro attende il digitale.
“Non c’è niente – ha detto – che ci impedisca di andare avanti più
veloci e di fare molto di più nel secondo decennio digitale”, grazie
alla convergenza tra telefonia mobile, tv, Internet e social
community. “Saremo tutti connessi – ha spiegato – questo è poco ma
sicuro”.
Gates ha poi fatto una rassegna dei nuovi prodotti della Microsoft, a
partire dalla piattaforma software Vista, l’erede di Windows, che nel
primo anno di vita ha superato i 100 milioni di licenze vendute. Poi
ha ricordato Synch la tecnologia, lanciata al Ces lo scorso anno, che
consentirà di ascoltare musica e fare telefonate in automobile e che,
a partire dal 2009, sarà a disposizione delle auto Ford. E ancora: le
console Xbox che hanno venduto oltre 17 milioni di unità, gli accordi
per distribuire film e prodotti di intrattenimento, tra cui le
immagini delle prossime Olimpiadi di Pechino, con Walt Disney, MGM,
Ncb Universal, Cbs.
Ma Gates non si è limitato a citare i successi Microsoft. Ha
riconosciuto che Apple, col suo iPhone, e Nintendo, con Wii, stanno
lavorando all’avanguardia e nella giusta direzione, in quello che,
attraverso lo sviluppo della ‘voce’ e del ‘tatto’ saranno le nuove e
“più naturali” frontiere del digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *