Cento canali con contenuti originali: la sfida di Youtube alla televisione!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Se sino ad oggi si trattava soltanto di video musicali, cartoni animati, spezzoni di film o video amatoriali, dal 2012 Youtube passerà dalla diffusione alla creazione diretta di contenuti originali da diffondere attraverso cento nuovi canali.

E’ questa la sfida lanciata alla televisione dal canale video di Mountain View, una vera e propria rivoluzione per le centinaia di milioni di utenti che ogni giorno totalizzano non meno di due miliardi di visualizzazioni. Una sfida che tiene conto delle mutate condizioni di distribuzione dei contenuti video, da tempo ormai fruiti soprattutto attraverso la rete.

Ma cosa si cela dietro questa novità? Sicuramente una strategia per continuare ad attirare sempre più investimenti pubblicitari. Il lancio infatti comporta un anticipo iniziale di circa cento milioni di dollari sui futuri introiti derivanti dalla pubblicità. Soltanto dopo essere rientrata dell’investimento iniziale, Google condividerà equamente i guadagni con i produttori.

Ma di quali contenuti si tratta? Musica, istruzione, scienze, news, natura, salute e tanto altro. Per ora l’elenco dei partner e delle star coinvolte è lunghissimo: Madonna e il rapper Jay-Z per la musica, Reuters e Wall Street Journal per la sezione news, l’attore Ashton Kutcher e l’ex star dell’NBA Shaquille O’Neal, la moda con Cosmopolitan e Marie Claire e altre figure di spicco dell’entertainment.

Divisi in 19 categorie i canali trasmetteranno sino a 25 ore di contenuti originali al giorno: la programmazione infatti non rispecchia interamente il palinsesto della tv generalista. Alcuni di essi avranno pochi minuti di nuove produzioni quotidiane come ad esempio My Damn Channel, uno show settimanale di cui verranno caricati soltanto dieci minuti al giorno.

Parallelamente a questa novità, Google ne ha approfittato per rilanciare anche Google TV, che al momento della nascita non era riuscita a decollare per il rifiuto di alcune grandi emittenti a concedere i propri contenuti.
Questa nuova strategia le permetterà di decollare? Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *