La fame trasforma chiunque

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Non sei te stesso quando hai fame!”. È questo il messaggio che lancia la nuova campagna Snickers australiana il cui obiettivo è quello di mostrare alcuni effetti che il senso di fame provoca sulle persone.

Il video della campagna si fonda sul ribaltamento dello stereotipo del muratore che solitamente fa battute sessiste alle donne che passano per strada ma che quando ha fame non è più se stesso e si improvvisa rappresentante della lotta contro la misoginia.

Aussie Builders surprise public with loud empowering statements”: “Operai australiani sorprendono il pubblico urlando slogan per promuovere l’uguaglianza sociale” è infatti il titolo che si concentra sul gioco di parole per stupire lo spettatore e le ignare protagoniste la cui attenzione, all’inizio del video, viene attirata dagli operai che si affacciano dal palazzo e iniziano ad urlare “Ti voglio mostrare…”, o “Sai cosa voglio vedere”.

Fin qui potrebbe sembrare una campagna misogina se non fosse che il “Ti voglio mostare…” termina con “… il rispetto che meriti” e il “Sai cosa voglio vedere?” si riferisce al “Vorrei che il punto di vista femminile sia preso in considerazione per quello che è e non per quello che ci si aspetti di sentire”.

Un vero e proprio mix di parole, ribaltamento di ruoli e aspettative positivamente contrastate quello presente all’interno di un video che culmina con gli operai che urlano in coro: “Cosa vogliamo? Uguaglianza. Cosa non vogliamo? Misoginia”.

E come se non bastasse un tale video, la Snickers ha pensato bene di creare addirittura un’applicazione web divertente dal nome “The Hungry me generator” (“Il Generatore del me affamato”)che permette agli utenti, tramite una loro foto uploadata o catturata tramite web cam, di vedere come appaiono quando sono affamati.

E voi? Che faccia avete quando avete fame?

Francesca Zia
Ha studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Trieste. Appassionata di marketing e di economia, segue con attenzione le ultime tendenze in fatto di comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *