Instagram, quando un’immagine è più potente di mille parole

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Nell’ambito del visual marketing, dove è il senso della vista ad emozionare e colpire influenzando le decisioni d’acquisto dei consumatori, la diffusione dei visual social network diventa cruciale. Rispetto agli altri social network, quelli visual, utilizzando le immagini, convogliano le emozioni in modo più diretto e veloce e più efficacemente. Il maggiore obiettivo della promozione tramite social media infatti è quella di creare la consapevolezza del marchio, creando una community e influenzando le opinioni del consumatore.

Scegliere la produzione di contenuti visivi all’interno delle reti dei social come strategia per far conoscere e diffondere il proprio brand sembra quasi d’obbligo se si vuole essere all’altezza dei concorrenti.

Entrando nello specifico, Instagram ha superato Facebook per velocità di crescita del numero di utenti. Inoltre cresce vertiginosamente il numero di foto caricate, confermando l’alta produttività di contenuti e le potenzialità (nemmeno tanto nascoste) di questa app che nasce per mobile, ma che si sta trasferendo anche sul web. Per questo le aziende si stanno sempre di più integrando in questo sistema, fiutando il successo che si può ottenere facendo un uso consapevole e strategico dei contenuti condivisi.

Per iniziare a comunicare attraverso Instagram, è consigliabile iniziare pubblicando foto che descrivano il  prodotto/servizio, concentrandosi sul far comprendere quali bisogni del cliente può soddisfare.

Bisogna ricordare che l’eccessiva promozione fa sempre male. I follower si stancheranno presto se pubblicate unicamente e ripetitivamente foto dei vostri prodotti. Il successo sta nell’unire creatività a strategia, cercando un modo divertente, d’impatto, e (giustamente) fotogenico di far conoscere e apprezzare nel tempo il proprio brand.

I contenuti dovrebbero essere trasformati da descrittivi a esclusivi. Ovvero foto che facciano trasparire il lato umano dell’azienda, il “backstage” della propria attività, come anche immagini che rimandino alla storia dell’impresa, alle sue radici, ai suoi fondatori, per aumentare il contenuto emozionale. L’importante è essere autentici, prerogativa essenziale per emozionare il cliente.

Rilevanti sono anche i contenuti che si riferiscono ad anticipazioni e preview di prodotti che non sono ancora sul mercato, perché indirizzano l’interesse del consumatore a restare in contatto con noi.

Anche il coinvolgimento degli utenti è un aspetto di cui tener conto se si vuole cogliere al meglio le possibilità offerte da Instagram. Coinvolgere attraverso commenti, concorsi esclusivi, richiesta di feedback tramite le foto postate aiuta a creare e a rafforzare quel legame affettivo essenziale tra il brand e il cliente.

Per migliorare la propria prestazione all’interno di Instagram è di grande aiuto collegare il nostro contenuto con qualcosa che sta accadendo al momento o accadrà da lì a poco e che susciti interesse nei nostri contatti. Ad esempio il giorno del derby di Milano, si potrebbe pubblicare una foto che veda il prodotto in una veste milanista e una interista, generando un coinvolgimento maggiore di una semplice foto, dato che parliamo di qualcosa a cui le persone sono interessate proprio in quel dato momento.

E voi? Siete pronti a scattare?

 

Una foto dal profilo Instagram di Coca Cola

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *