Instagram apre all’advertising

Instagram marketing
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

200 milioni di utenti nel 2014. 300 milioni nel 2015: il 28 percento del tempo che passiamo online è sui social network, come Facebook e Twitter. Fino ad oggi questa immensa miniera di dati e informazioni non era sfruttata da uno dei maggiori social del momento: Instagram, ma le cose stanno per cambiare…

Da oggi, in 30 paesi tra cui Italia, Spagna, India, Polonia, Turchia, Messico e Israele Instagram ha attivato il servizio di pubblicità per piccole, medie e grandi aziende.

Come funzionerà? Prima di tutto è necessario chiarire che, a seguito dell’acquisizione di Instagram da parte di Facebook nel 2012 per una cifra di un miliardo di dollari, le aziende che vorranno  promuoversi potranno utilizzare a pieno tutte le potenzialità del servizio di advertising di Mark Zuckerberg. Ciò significa che i primi clienti in Italia come Illy, Toyota e Audi potranno attingere all’enorme database e agli strumenti offerti da Facebook per fare una campagna.

In pratica, cosa cambierà in Instagram? La differenza fondamentale sarà che ora nel wall potremmo vedere delle foto sponsorizzate, degli annunci, senza che questi possano interrompere l’esperienza utente a cui siamo stati abituati. Ma si parla anche di video fino a 30s, oltre che di immagini (che ora sono disponibili sia in formato landscape che portrait).

Instagram marketing

Come riconoscerle? Le immagini e i video avranno una piccola etichetta in alto a destra con su scritto “Sponsorizzata” e, in basso, le aziende potranno mettere un invito all’azione: un pulsante che permetterà di scaricare un’app, aprire un sito web o interagire con altri contenuti.

Luca Colombo, Country Manager per Facebook e Instagram in Italia afferma: “I dati dicono in modo chiaro che c’è un consumatore interessante per le aziende anche su Instagram: sono già 400 le campagne andate online su Instagram in altri Paesi. Per esempio Made.com ha aumentato il valore medio dei propri ordini online proprio con le campagne Instagram, rispetto al loro benchmark, Gilt Groupe è riuscita a far installare la sua app con un incremento dell’85 %. E poi c’è il tanto tempo speso dagli utenti da giustificare tranquillamente logiche reach and frequency che possono essere ben applicabili”.

Attenzione dunque! Quando vi sveglierete la mattina e controllerete la home di Instagram, tra le foto di famiglia e le spiagge dorate, potrete trovarvi un bel panino di McDonald’s!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *