Inbound marketing e B2B: qual è il tasso di efficacia?

inboundmarketing-blogimage
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Con l’Inbound Marketing sono i clienti a trovare l’azienda, non viceversa. Questa strategia di marketing è utilizzata moltissimo nel B2C, dove testi, immagini e video sono sapientemente studiati per attirare l’attenzione dei potenziali clienti su un prodotto o un brand particolare.

Ma questa strategia molto efficace in ambito B2C, può essere applicata con altrettanto successo anche nel B2B?

Content is king: ma è un re capriccioso.

Secondo l’ultima ricerca condotta da MarketingProfs, il modo più efficace di fare Inbound Marketing è quello della creazione dei contenuti (per il 66% degli intervistati); ma secondo il 57% dei soggetti è anche il modo più difficile. Per il 66% delle aziende B2B le strategie di Inbound Marketing ricompensano ampiamente le risorse investite nel processo.

20150819200953-hands-on-key-board-coffee-house

Essere su internet non basta più

C’è sempre più consapevolezza sull’importanza di strategie di marketing come l’Inbound, ma molto spesso le aziende non riescono a gestire correttamente tutti gli strumenti che questa tipologia di marketing offre. Il 46% delle imprese interrogate identifica nella mancanza di una strategia digitale il principale ostacolo nella messa in pratica dell’Inbound Marketing. Spesso si crede ancora che per fare marketing sia sufficiente aprire una landing page e una pagina Facebook e aspettare che i lead, come per magia, compaiano a milioni. Non siamo più negli anni 2000, quando il solo fatto di avere un sito web era un elemento differenziante. Oggi anche un neonato saprebbe aprire un sito web.

Dove si trova quindi l’elemento differenziante? Nella strategia, nell’originalità e nella cura dei contenuti. Insomma, la landing page va personalizzata, va targetizzata, va curata e va inserita in un ventaglio ancora più ampio di strumenti che tutti insieme formeranno la strategia di marketing (come questi).

3 consigli per una strategia digitale efficace

B2B-marketing-trends

1 – Non sottovalutare il blog

La qualità conta più della quantità: avvicinare i lead giusti è più importante di far parlare di sé alla massa senza conquistare un solo contatto. Una recente ricerca di Global Web Index ha rivelato che il 30% del tempo che trascorriamo online lo passiamo tra social e blog (anche mentre siamo a lavoro). Tratta gli argomenti davvero interessanti per i tuoi lead, sii specifico e scendi in profondità: dì quello che nessun altro dice, con utilità, stile e unicità.

2 – Usa i social, ma nel modo giusto

LinkedIn è stato valutato il 277% più efficace di Facebook e di Twitter per le strategie B2B. Questa percentuale si spiega considerando il fatto che gli utenti che utilizzano LinkedIn quando lo fanno ragionano da professionisti e non più da semplici utenti in cerca di svago.

3 – CRM: lo conosci?

Attirare e coinvolgere i lead è un primo passo da fare con una buona (ottima!) landing page, una campagna di newsletter mirata e utilizzando nel modo più efficace blog e social. Ma poi? Cosa fare per mantenere e sviluppare i clienti ottenuti? Un efficace sistema di CRM (Customer Relationship Management) aiuta a raccogliere, organizzare e gestire tutti i dati dei clienti in maniera efficace ed efficiente, trasformando in relazioni di valore i lead raccolti nei passi precedenti.

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *