Il segreto del successo? Curare il proprio sito

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Non solo il tuo sito web è il luogo dove i clienti si recano per saperne di più sulla tua attività e i tuoi servizi, ma è anche il fattore più determinante ai fini della decisione finale acquisto/non acquisto.

La constatazione, piuttosto rilevante, è l’esito di un’indagine condotta da RainToday.com che ha incluso oltre 200 acquirenti responsabili di oltre 1,7 miliardi di dollari di acquisti in servizi professionali come consulenza contabile e finanziaria, architettura, ingegneria, costruzioni. E ancora marketing, pubblicità, pubbliche relazioni e servizi di formazione. Tutti, a ben vedere, argomenti legati a doppio filo al mondo del web.

Appena il 3% dei 200 buyers intervistati – da aziende di ogni dimensione – afferma che il sito internet non esercita alcun influsso sulla propria decisione d’acquisto. Il 74% del campione, al contrario, confessa di essere oggetto di “una certa influenza” da parte delle caratteristiche del sito web relativo al servizio in questione. Una quota che si alza di 23 punti percentuali rispetto al 2005 ed è dunque segnale probante dell’accresciuta importanza dell’accuratezza del sito internet in tutti i servizi professionali.

Appare lampante, alla luce di questi dati, che un sito web dotato di design professionale, scrittura chiara e disposizione ordinata dei contenuti acquista parecchi punti agli occhi di un cliente che ha un primo approccio con il servizio ricercato. Gli esperti, più in particolare, consigliano di concentrarsi su una rassegna dettagliata delle proprie attività e peculiarità, curare la propria lista clienti, inserire biografie dei propri professionisti e citare studi di caso nei quali l’attività ha aiutato un cliente a risolvere un problema.

La parola-chiave è credibilità e – giurano gli addetti ai lavori – questo è il modo migliore per ottenerla. A proposito: per garantire una veste grafica ideale al tuo sito dai un’occhiata a questo post pubblicato circa un mese fa da Ippogrifo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *