Il mercato degli OVER

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Si alza l’età media della popolazione delle nazioni economicamente più sviluppate e si aprono nuove opportunità di mercato per chi saprà soddisfare la domanda crescente degli ultracinquantenni e degli ultrasessantenni attivi con una buona capacità di spesa che, nei prossimi anni, sono destinati a diventare una fascia di consumatori sempre più numerosa.
Nell’Europa Occidentale un cittadino su cinque ha oggi più di sessant’anni. Spesso ha un potere di acquisto superiore alla media ed è disponibile a spendere per beni di consumo e servizi che sono in grado di soddisfare le sue specifiche esigenze. Un modello di consumo “senior” che sta avendo un’influenza crescente sulla struttura socio-economica e sulla stessa dimensione dei mercati, benchè le aziende, in generale, non si mostrino particolarmente rapide nell’adeguarvisi. Questo andamento demografico ha dimensioni globali: la percentuale di soggetti anziani è in aumento in ogni parte del mondo, anche se il fenomeno assume caratteristiche molto evidenti solo nei paesi industrializzati.
Negli Stati Uniti, nonostante il consistente flusso immigratorio, legale e non, e l’alta prolificità della comunità ispanica, gli “over 50”, sono già 77 milioni di persone (circa il 27% della popolazione), e il Federal Bureau of Census (l’istituto di statistica statunitense) prevede che entro il 2010 gli americani sopra i 55 anni d’età saranno quasi 100 milioni, destinati a raggiungere i 114 milioni entro il 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *