Il flash mob come strumento di marketing non convenzionale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Oggi più che mai si sente parlare molto spesso di flash mob, come nuova tecnica utilizzata dal marketer non convenzionale. Organizzato per la prima volta a New York nel 2003 da Bill Wasik, si è ben presto trasformato da puro fenomeno di spettacolo in un divertente ed efficace strumento di marketing (non convenzionale).

Tale tecnica indica una massa di persone che mette a punto azioni corali di comportamenti fuori dal comune in un luogo pubblico. Il tutto termina poi con un applauso.

Il reclutamento degli attori avviene molto spesso attraverso blog o strumenti user generated content; la preparazione della coreografia completa avviene solo alcuni minuti prima dell’esecuzione.

La prima azienda italiana che ha utilizzato tale tecnica è stata Eastpak. Di seguito vediamo una rappresentazione simile a quella adottata dall’azienda di zaini, borse ed abbigliamento.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *