Il brand rimbalza sulla folla con la photoball HP

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Spesso nel marketing le idee creative e brillanti prendono spunto da concetti semplici. Trasformare oggetti ordinari e familiari in qualcosa di diverso, che sia in grado di far vivere un’esperienza unica. Anche perché gli oggetti quotidiani hanno più appeal sulle persone, ci sono  maggiori probabilità che esse siano interessate a qualcosa di familiare.

HP ha preso un concetto semplice: avete presente gli enormi palloni da spiaggia gonfiabili che spesso si vedono rimbalzare da una parte all’altra della folla ad un concerto? Ecco, per il pubblico dei festival americani non c’è nulla di più familiare in un contesto del genere. Quasi una tradizione.

L’idea di HP è stata quella di creare, con l’apporto dell’agenzia Almap BBDO, in occasione del festival musicale brasiliano di San Paolo, un pallone brandizzato, contenente una videocamera HD. Mentre veniva lanciato da una parte all’altra, inviava le immagini in diretta sul sito web. Il pallone da spiaggia inoltre scattava foto della folla e le caricava sul sito del festival, in modo che le persone stesse potessero taggarsi.

Migliaia di persone si sono effettivamente taggate e milioni di utenti hanno visto le foto e i video. L’interazione è stata impagabile.

Con milioni di persone che interagiscono, di cui la maggiorparte giovani e teenager, il marchio è diventato improvvisamente giovane, fresco e degno di rispetto, cool. Da brand tecnologico d’elite si è improvvisamente trasformato in un marchio innovativo e aggregante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *